AttualitàClima

Stati Generali, Costa: “ambiente è tema centrale del confronto”

Condividi

Stati Generali. “Oggi è una giornata impegnativa e importante” – scrive sulla sua pagina Facebook il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, che da questa mattina è impegnato, a Villa Dora Pamphilj a Roma, agli Stati Generali con il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri e il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli.

Un tema centrale del confronto è l’ambiente – si legge ancora nel post – mai come oggi è da intendere nel senso più ampio: comprende economia, lavoro, imprenditoria, benessere sociale, sviluppo. Ne abbiamo parlato con le società partecipate statali e nel pomeriggio con le associazioni.

Lo abbiamo detto molte volte, e ora è il momento di progettarlo: abbiamo di fronte una grande occasione di rilanciare il Paese secondo canoni green.

E una grande sfida: alla vigilia della discussione della legge europea sul clima occorre rimodulare il Piano energia e clima secondo i nuovi standard europei, non appena la Legge europea sul Clima sarà operativa, e considerando che il Pniec (Piano Nazionale Integrato Energia e Clima) è la frontiera attuale per definire il nuovo paradigma energetico.

Bussi, Min. Ambiente: “Restituiti all’Abruzzo 47 Mln di euro da destinare per la bonifica”

Per applicarlo concretamente stiamo puntando su tre direttrici: semplificazione, velocizzazione e sburocratizzazione della Valutazione di impatto ambientale.

E ancora: la riforestazione urbana attraverso la piena applicazione della legge clima italiana, l’efficientamento energetico degli edifici pubblici, la rigenerazione urbana attraverso gli ecobonus e la riqualificazione dei territori parco nazionale attraverso le Zea.

La lotta al dissesto idrogeologico che deve avere un canale preferenziale perché la cura e la tutela del territorio sono il principale antidoto alle emergenze.

Energia, Legambiente: “In Italia la crescita rinnovabili è troppo lenta”

La bonifica del Paese che attende da troppi decenni e per la quale abbiamo pronte norme che ne agevoleranno i processi e le procedure e, chiaramente, la riprogettazione del ciclo dei rifiuti con al centro l’economia circolare: perché trasformare il rifiuto in nuova materia prima è un imperativo della virtuosa gestione del sistema.

Sono tutti tasselli che devono comporre un mosaico, che costituisce la nostra visione: la rinascita del Paese secondo un nuovo paradigma ambientale, economico, sociale, imprenditoriale.

È questo che oggi ho detto alle imprese partecipate: la loro azione è fondamentale, e non possono più tirarsene fuori.

(Visited 53 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago