Defunti trasformati in concime per le piante: la proposta ecologica arriva dalla California

Il provvedimento del governatore Gavin Newsom ha l’obiettivo di contrastare l’inquinamento attraverso la trasformazione dei defunti in concime per i giardini.

Trasformare le proprie ceneri in concime a impatto zero per le piante. È quanto consentirà, a partire dal 2027, una Legge approvata dalla California, negli Stati Uniti d’America, per combattere l’inquinamento. Il provvedimento del governatore democratico Gavin Newsom prevederà che i resti umani vengano messi in un contenitore d’acciaio coperto di fiori, di paglia e di tronchetti di legno. Entro un mese, i microbi “lavoreranno” per convertire le spoglie di uomini e donne in nutrienti utili ad almeno 30 metri quadrati di aiuole, campagne o giardini.

L’innovativo metodo di sepoltura eco-friendly garantirà la possibilità di salvaguardare il pianeta Terra.

E così, mentre in California è possibile trasformare i defunti in concime, in Svizzera si può valutare di realizzare un diamante dalle proprie ceneri. Detto così, può sembrare un po’ strano, ma se ci pensiamo, in natura, i diamanti sono costituiti da carbonio, elemento chimico della vita sul nostro pianeta. Tutte le cellule di tutti gli esseri viventi contengono questo elemento, che rimane in parte anche nelle ceneri di cremazione, e noi non facciamo altro che estrarlo in laboratorio“, aveva spiegato a Teleambiente Christina Sponza, Responsabile marketing per l’Italia di Algordanza.

Articolo precedenteRoma, un flash mob per l’ambiente: “Il futuro non si aspetta, si prepara”
Articolo successivoConfindustria Umbria sezione di Terni: Riccardo Morelli confermato presidente