Roma

STARBUCKS, ARRIVA ANCHE A ROMA LA CAFFETTERIA DEL MARCHIO AMERICANO

Condividi

Starbucks. Dopo il successo delle tre aperture a Milano, arriva anche nella capitale la caffetteria del marchio americano Starbucks con il suo primo punto vendita. Favorevoli o contrari? Indirizzo ancora top secret ma si parla di via della Conciliazione.

Tra settembre e ottobre a Roma aprirà il primo Starbucks Core della città, una caffetteria in stile americano contrassegnato dal logo con la sirena verde. L’indirizzo esatto dell’inaugurazione non è ancora stato rilevato ma i dirigenti dell’azienda che detiene la licenza del brand in Italia, Percassi, sono alla ricerca di un luogo caratterizzato da un grande afflusso turistico. La location individuata è quella dell’area attorno ai Musei Vaticani, in via della Conciliazione o nella zona di Borgo Pio, magari accanto a  McDonald’s, contestato al tempo da residenti e comitati perché ritenuto fuori luogo in un contesto come quello del centro storico.

“Con Starbucks puntiamo a inaugurare 200-300 punti vendita in tutta Italia” aveva anticipato l’imprenditore Antonio Percassi a febbraio 2017 e in quest’ottica si inserisce l’apertura in zona Musei Vaticani, a cui potrebbe probabilmente seguire un secondo punto vendita anche nella zona di piazza di Spagna o della stazione Termini. Dopo l’invasione a Milano di tre caffetterie  in zona corso Garibaldi, in piazza San Babila, alle partenze del Terminal dell’aeroporto di Malpensa e in piazza Cordusio, con la “Reserve Roastery” di Starbucks, anche la capitale si prepara ad accogliere il marchio amato dai coffee-addict .  Favorevoli e contrari? Al momento si sa solo che sono in tanti ad attendere l’apertura della caffetteria  dove  poter sorseggiare caffè americano per per trascorrere la giornata o lavorare con il proprio pc portatile.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago