Cronaca

Stampa 3D nei laboratori di biologia per creare organi artificiali

Condividi

Stampa 3D. La stampa 3D entra nei laboratori di biologia con le prime strutture simili a ragnatele.

Secondo lo studio di un gruppo del Massachusetts Institute of Technology (Mit), coordinato da Filippos Tourlomousis e pubblicato sulla rivista Microsystems and Nanoengineering, queste strutture, essendo caratterizzate da fibre con diametro pari a un decimo di un capello, sono ideali per ottenere colture di cellule, da utilizzare ad esempio per la sintesi di organi artificiali.

La tecnica messa a punto al Mit, ha rivoluzionato la stampa 3D: il disegno delle fibre sintetiche infatti, è guidato da un campo elettrico applicato intorno agli ugelli della stampante che permette di creare fibre più sottili di quelle ottenute con le tradizionali stampanti 3D.

Bioparco e Carabinieri Forestali di nuovo insieme contro i reati ambientali

“Grazie alla nuova maglia intricata stampata in laboratorio è possibile – ha spiegato Tourlomousis -coltivare cellule di forma e dimensione uniforme, alle quali associare specifiche funzioni”.

La forma di una cellula è infatti strettamente correlata alla sua attività.

Puglia, scoperta l’unica barriera corallina nel Mediterraneo

I ricercatori del Mit, osservando le cellule al microscopio,  hanno in effetti constatato che queste riuscivano a integrarsi, attraverso la sintesi di specifiche proteine di adesione, con la ragnatela di fibre prodotta in laboratorio. Come in una reale struttura biologica.

“Con questa tecnica – ha concluso Tourlomousis – possiamo riprodurre l’ambiente in cui sono immerse normalmente le cellule, ad esempio le staminali. E utilizzarle per scopi biomedici, come la sintesi di organi artificiali per trapianti”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago