Rifiuti

Un negozio di alimentari contro lo spreco: venduti prodotti che i supermercati gettano nei rifiuti

Condividi

Un alimentari di Berlino vende i prodotti scaduti o vicino alla scadenza ma che possono essere ancora consumati, evitando che finiscano nei rifiuti.

SirPlus, un negozio di alimentari di Berlino, sta cercando di ridurre gli sprechi alimentari rivendendo tutti i prodotti non attraenti che gli altri si rifiutano di mettere in vendita. SirPlus rifornisce i suoi scaffali con prodotti scaduti, vicini alla scadenza o deformi e li vende ai clienti con prezzi fino all’80% in meno rispetto ai classici supermercati.

Spreco Alimentare domestico scende del 25%, italiani più consapevoli

Secondo la FAO, 1.3 miliardi di tonnellate di alimenti vengono sprecate ogni anno in tutto il mondo, un terzo di tutto il cibo che viene prodotto. La maggioranza degli sprechi alimentari viene dal Nord America o dall’Europa; un europeo in media spreca dai 95 ai 115 kg di cibo ogni anno.

Spreco alimentare, gli americani gettano un terzo del cibo che acquistano VIDEO

SirPlus vuole porre fine a questi sprechi: gli alimentati rifiutati dagli altri supermercati, ristoranti e distributori all’ingrosso vengono analizzati dallo specialista della qualità Timo Schmitt e dal suo team, che solitamente conserva i prodotti che presentano delle deformazioni fisiche o che riportano un’etichettatura sbagliata. Altri, come gli alimenti scaduti, vengono ispezionati attentamente per assicurarsi che il prodotto sia sano: “Controlliamo odore, sapore, consistenza e impacchettamento” ha raccontato Schmitt “quando non siamo sicuri, lo portiamo in laboratorio”. Secondo la legge tedesca, una volta che il cibo viene definito sicuro da mangiare e i consumatori comprendono i rischi inerenti all’acquisto, i biscotti ma anche gli yogurt e la carne scaduta possono essere venduti.

I fornitori come i contadini, grossisti e distributori ricevono forti incentivi economici collaborando con noi” hanno spiegato i fondatori Raphael Fellmer e Martin Schottquando acquistano o commerciano il loro surplus con il nostro supermercato, risparmiano sui costi e generano nuove entrate”. Sirplus permette ai produttori e ai distributori di risparmiare sui costi di immagazzinamento vendendo o semplicemente donando gli alimenti al supermercato, il quale, quando non ha abbastanza spazio a disposizione, dona gli alimenti alle ONG.

Sainsbury, la catena di supermercarti investe un miliardo di sterline per raggiungere zero emissioni

 

Nel 2019 SirPlus ha evitato che 2000 tonnellate di alimenti finissero nei rifiuti. La compagnia ha spiegato di avere piani coraggiosi per il 2020: vuole continuare ad espandersi a Berlino e in altre città, lanciare la propria etichetta e creare una piattaforma online per consegnare direttamente nelle case dei consumatori. Inoltre, è presente un servizio di abbonamento chiamato “Retterbox” che contiene un assortimento casuale di alimenti controllati che vengono salvati dalle discariche e consegnati con spedizioni gratuite in tutta la Germania.

(Visited 8 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago