Attualità

NASCE UNA NUOVA PIATTAFORMA CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE

Condividi

Spreco alimentare.  #iononsprecoperchè, la nuova piattaforma web contro lo spreco lanciata alla Camera dei Deputati in occasione della conferenza stampa “Spreco alimentare e farmaceutico, donazioni e Terzo Settore”.

Il progetto, vuol essere uno spazio in cui tutti gli attori della filiera possono entrare in contatto tra loro, creando opportunità di sviluppo per le donazioni, con il supporto di un team di esperti. Sarà inoltre uno spazio di conoscenza delle norme nazionali e comunitarie legate ai temi dell’economia circolare.

Lo spreco alimentare, come quello farmaceutico, continuano infatti ad essere un problema drammatico sia a livello mondiale che nazionale. Nel suo rapporto sugli sprechi alimentari, la FAO, ha quantificato, a livello mondiale, in 1,3 miliardi di tonnellate l’anno (pari a un terzo dell’intera produzione agroalimentare) lo spreco di cibo destinato al consumo umano. Solo in Italia, lo spreco è pari a 13 miliardi di euro annui, quasi 360 euro a famiglia. Occorre adottare stili di vita diversi, reagendo alla cultura dello scarto e dello spreco. Iniziando soprattutto a parlare, non di spreco o eccedenze, ma di economia circolare.

E l’Italia è sulla buona strada. A poco più di un anno dall’entrata in vigore della “Legge Gadda”, il recupero delle eccedenze è aumentato del 20%.

(Visited 80 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago