Attualità

FRANCIA. NASCE L’APP PER AIUTARE I PIU’ POVERI COMBATTENDO GLI SPRECHI

Condividi

Arriva dalla Francia la nuova app per combattere gli sprechi alimentari aiutando i più poveri. Si chiama Linkee. Ristoranti e supermercati possono connettersi ad una rete di volontari quando rimane del cibo invenduto o in scadenza. Un piccolo esercito di ciclisti o scooteristi  raccolgono il cibo per portarlo alle sedi più vicine di associazioni caritatevoli che provvederanno a distribuirlo il giorno dopo a chi ne ha più bisogno.

“Il commerciante ci segnala quello che gli resta come merce invenduta e nel giro di mezz’ora uno di noi passa a ritirarlo. Abbiamo creato un’applicazione che per una volta serve a dare e non a prendere. Senza contare che ci guadagnano tutti, senza eccezioni. E’ una catena virtuosa che piace a tutti, a cominciare dalla nostra società”, spiega il direttore di Linkee, Julien Meimon.

Il cibo viene tracciato con un sistema elettronico ed in media arriva a destinazione 20 minuti dopo essere stati raccolto. Questa iniziativa riesce a procurare ai poveri dai cinquecento ai mille pranzi al giorno.

Linkee ha già ottenuto il sostegno di grandi catene di supermercati come Carrefour e Hypermarché.

La battaglia contro gli sprechi alimentari comincia ad assumere e a manifestarsi in diverse forme, anche facendo del bene agli altri. Un altro passo per salvare il pianeta, un cambiamento necessario al quale tutti possono contribuire, anche con piccoli gesti.

(Visited 103 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago