A causa degli eventi atmosferici estremi ogni anno vengono cancellate 62mila partite e i club minori potrebbero soccombere sotto il peso delle inondazioni

Il calcio inglese lotta per restare a galla. Letteralmente. Ogni anno in Gran Bretagna oltre 62mila partite di calcio, a tutti i livelli, vengono annullate a causa di allagamenti, nevicate abbondanti e eventi climatici estremi che diventano sempre più frequenti.

Secondo BBC Sport, che ha calcolato il numero di danni per il calcio inglese legati al clima impazzito, ci sono dei club minori che addirittura rischiano di scomparire, perché non in grado di gestire i costi delle inondazioni causate dall’innalzamento delle acque dei mari o dei fiumi lungo i quali i campi spesso sono costruiti.

Mangiano carne di tartaruga, morte avvelenate sette persone (tra cui un bambino di tre anni)

La storia del Carlisle United, il club che potrebbe sparire a causa della crisi climatica

Il Carlisle United, un piccolo club della quarta divisione (League Two), ha dovuto fare i conti con due imponenti inondazioni nel 2005 e nel 2015.

L’ultima volta, quando la tempesta Desmond travolse il Paese, i giocatori del Carlisle, tornati da una trasferta, si ritrovarono il campo completamente allagato. La stagione fu conclusa grazie a due squadre avversarie che prestarono i loro campi da gioco.

Ma quando il patron del Carlisle United, dopo aver pagato i costi per la risistemazione del campo, provò a sottoscrivere una assicurazione che coprisse i danni nel caso in cui un evento simile fosse ricapitato in futuro, è arrivata l’amara sorpresa.

Nessuna compagnia volle sottoscrivere l’assicurazione. Il motivo? I modelli predittivi sulle condizioni atmosferiche nella zona prevedevano che nuovi eventi climatici di quella portata saranno sempre più frequenti. 

Nel caso di una terza inondazione difficilmente ci sarà un futuro per il Carlisle United. La storia del Carlisle United è emblematica di come i cambiamenti climatici potrebbero stravolgere completamente il mondo dello sport nel Regno Unito e nel resto del mondo.

Fiona Dear, ricercatrice alla Climate Coalition che ha condotto uno studio sulle conseguenze della crisi climatica sullo sport in UK, ha spiegato che il problema tocca diverse squadre di calcio: “I migliori giocatori di calcio possono essere superstar globali, ma rappresentano solo la punta dell’iceberg. Il calcio di base rimane la linfa vitale del gioco, nonché un modo per stare in salute, socializzare e stare vicino alla propria comunità”.

Animali, almeno 160 specie estinte durante l’ultimo decennio

Articolo precedenteCarabinieri ed Enel più vicini per la tutela del Paese
Articolo successivoRoma, lista civica Raggi aggiunge al nome Ecologia e Innovazione. De Santis: “Fattori essenziali”