Good NewsRoma

La posidonia diventa ‘arredo’ nelle Spiagge Ecologiche del Circeo e Torre Flavia

Condividi

Spiagge Ecologiche. È la Posidonia oceanica, la protagonista delle “Spiagge ecologiche” realizzate nell’ambito del progetto Bargain. Promosso da Enea, Università di Tor Vergata e Ispra e finanziato dalla Regione Lazio, il progetto si pone l’obiettivo di utilizzare le posidonie che si accumulano sul litorale per installare dei veri e propri “arredi balneari”.

Cos’è la Posidonia?

Si tratta di una pianta marina, simile alle alghe, che una volta morta e piaggiata, si accumula sulla battigia in grande quantità: essendo ‘antiestetica’, viene rimossa spesso insieme a grandi quantità di sabbia, con grave danno all’ecosistema.

Questi cumuli di posidonia infatti, sono utili a prevenire l’erosione delle spiagge.

I numeri parlano chiaro: mantenere la posidonia spiaggiata in loco o spostarla solo temporaneamente è economicamente ed ecologicamente vantaggioso.

Mare, Posidonia cala del 25%. Allarme in Toscana, Lazio, Liguaria, Puglia e Sardegna

Nella regione Sardegna, ad esempio, è stato valutato che gli ammassi di posidonia spiaggiata sono in grado di trattenere circa 93 kg di sedimento per m3 e l’eventuale rimozione della banquette comporterebbe una perdita di oltre 1700 m3 di sedimento.

I numeri salgono quando si parla di costi di ripascimento: le azioni per ripristinare 1000 m3 di sedimenti persi comporta una spesa compresa tra i 20 mila e i 100 mila euro.

Ancora, pulire la spiaggia, secondo le stime, costa tra i 15 mila a 130 mila euro all’anno per comune, e lo smaltimento della posidonia spiaggiata in discarica costa intorno ai 60-80 € per m3 .

Spiaggia ecologica, Ispra: “Non toccare la Posidonia, protegge l’ecosistema”

In cosa consiste la ‘spiaggia ecologica’ verrà spiegato in più tappe.

Dal 19 al 21 agosto, i ricercatori del progetto Bargain si troveranno sulla spiaggia di San Felice Circeo dove sarà possibile osservare da vicino l’installazione degli arredi balneari realizzati con la Posidonia spiaggiata e scoprire, durante le visite guidate, il ruolo delle praterie di Posidonia oceanica, l’importanza strategica della banquette e della sua conservazione.

Durante le giornate sarà distribuito ai bambini che parteciperanno all’iniziativa il “kit BARGAIN” composto da zainetto, cappellino, maglietta e una copia del fumetto.

La seconda iniziativa avrà luogo a Cerveteri il 27 e il 28 giugno presso il Monumento Naturale Palude di Torre Flavia, località I Cretoni (presso arenile adiacente stabilimento balneare “Da Ezio alla Torretta”)

“Vogliamo realizzare pannelli divisori imbottiti con Posidonia, raccolta ed essiccata, per separare gli ombrelloni e creare dei percorsi di accesso all’acqua, in linea con l’attuale normativa sanitaria” – spiegano all’Enea.

I “separé” ecologici sono alti circa 120 cm e larghi 200 cm, dotati di telai in acciaio e fodera in plastica riciclata o in materiali naturali.

A fine stagione, basterà svuotare l’imbottitura sulla spiaggia per far tornare a svolgere alla Posidonia la sua originaria funzione: la protezione delle spiagge dall’azione erosiva provocata dalle onde.

 

(Visited 64 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago