Le spezie fanno bene alla salute. Non si tratta solo di ingredienti preziosi per poter rendere più saporiti i nostri piatti, ma anche di rimedi naturali che ci possono aiutare ad alleviare piccoli e grandi disturbi dei quali possiamo soffrire.

Le spezie si presentano in diverse forme: macinate, ottenendo in questo modo un sapore più intenso, fresche, come lo zenzero, che si può utilizzare affettato o grattugiato, oppure anche intere, come avviene per i baccelli di vaniglia o le bacche di cardamomo. Esistono, poi le combinazioni di più spezie, miscele che possono trovarsi intere o macinate, tra cui la più famosa è il curry, di origine indiana, la cui formulazione contiene chiodi di garofano, zenzero, curcuma, cardamomo, cannella, pepe, coriandolo, fieno greco, noce moscata, e cumino.

Frutta a guscio, ecco i 10 alleati per la tua salute. Tutte le proprietà

Ecco le 5 migliori che non possono mancare in cucina:

  • Curcuma: tra le proprietà più conosciute troviamo quelle relative alla cura dell’apparato digerente, dato che tale prodotto facilita la formazione della bile ed il suo scorrimento verso l’intestino. Questa benefica spezia stimola tutte le funzioni delle vie biliari e protegge il fegato grazie alla sua azione “disintossicante” che si esplica stimolando la produzione di enzimi epatici grazie ai quali il fegato riesce a purificare il sangue dalle tossine. La curcuma contribuisce, inoltre, a facilitare la digestione anche in casi particolari come il post-sbornia, l’uso smodato di farmaci, e addirittura in presenza di cirrosi ed epatiti. A livello intestinale, grazie alle sue proprietà carminative, riesce a ridurre flatulenza e meteorismo, quella fastidiosa sensazione di aria nella pancia;
  • Curry: oltre a stimolare la digestione e migliorare il funzionamento epatico, vanta anche virtù antinfiammatorie, consentendo un miglioramento dei sintomi dell’artrite. Recenti studi del Centro di Ricerca sul Cancro in Gran Bretagna hanno evidenziato anche il potere antitumorale di questo mix di spezie, grazie soprattutto alla presenza di una sostanza, la curcumina in essa contenuta. E sembrerebbe consentire benefici anche per contrastare malattie cardiache e neurodegenerative (come l’Alzheimer e il Parkinson). Inoltre è una spezia consigliabile a chi soffre di diabete, vista la sua capacità di normalizzare l’indice glicemico;

Superfood, le 10 bacche che fanno bene alla salute

  • Paprika: il colore rosso è dovuto alla buona presenza di carotenoidi. Questi composti, come ad esempio il beta-carotene, la luteina e la zeaxantina, aiutano gli occhi a filtrare iraggi nocivi del sole. In questo modo si prevengono patologie come la catarattae la degenerazione maculare. E’stato dimostrato che la capsaicina ha proprietà utili ad abbassare la pressione arteriosa. Un consumo regolare e moderato è in grado di rilassare i vasi sanguigni con effetti benefici sul sistema cardiocircolatorio;
  • Peperoncino: questa spezia è stata sempre definita come un potente afrodisiaco capace di migliorare le prestazioni per entrambi i sessi e d’altro canto aumentarne la libido, un po’ come lo è per le ostriche. Ma è veramente così o è soltanto una credenza popolare? Facciamo dunque, un po’ di chiarezza al riguardo: la capsaicina possiede un effetto vasodilatatore per cui di sicuro agisce  in tal senso. Inoltre questo frutto contiene vitamina E come illustrato in precedenza, pertanto favorisce la fertilità in entrambi i sessi e aumenta il desiderio. Il peperoncino, soprattutto grazie alla capsaicina, ha un effetto vasodilatatore aumentando così il flusso sanguigno;
  • Zenzero: in particolare i gingeroli e gli shogaoli in esso contenuti hanno dimostrato di avere un effetto anti-proliferativo su diverse linee tumorali. L’effetto in particolare è stato visto in caso di cancro prostatico, gastrintestinale, pancreatico ed epatico. Le ricerche hanno anche dimostrato come gli shogaoli siano in grado di inibire la crescita cellulare e al tempo stesso di simolare l’apopotosi, ovvero la morte cellulare programmata. Sembrerebbe inoltre che l’effetto tossico non venga esercitato nei confronti delle cellule sane. Inoltre, di recente un gruppo di ricercatori del Hormel Institute (Università del Minnesota) ha messo in evidenza proprietà antitumorali di questa spezia nei casi di carcinomi del colon-retto: assumere zenzero ogni giorno infatti, avrebbe una funzione protettiva contro i tumori del colon retto.

Superfood, i migliori 10 semi oleosi per benefici e proprietà

Articolo precedenteNoci brasiliane, potenziano il sistema immunitario e stimolano la digestione
Articolo successivoBirra Ichnusa per l’ambiente : “Vuoto a buon rendere” delle bottiglie VIDEO