Scienza e Tecnologia

Spazio, per la NASA la terra sarà al sicuro dagli asteroidi per almeno 100 anni

Condividi

Secondo i calcoli della NASA nessun asteroide dovrebbe avvicinarsi pericolosamente alla terra per i prossimi 100 anni.


Gli abitanti del pianeta terra possono provare un po ‘di sollievo per ora, poiché la NASA ha confermato che il nostro pianeta è al sicuro dagli asteroidi almeno per il prossimo secolo.

99942 Apophis, scoperto nel 2004, è stato identificato come uno degli asteroidi più pericolosi per la terra. Ma i risultati di una nuova campagna di osservazione radar, combinati con un’analisi precisa dell’orbita, hanno aiutato gli astronomi a concludere che Apophis non colpirà la Terra nel 2068, come si temeva.

Stimato per essere circa 1.100 piedi di diametro,  nominato Apophis come il dio egizio della distruzione, l’asteroide fece un sorvolo della Terra all’inizio di marzo e la NASA ha colto l’opportunità di utilizzare potenti osservazioni radar per perfezionare la stima della sua orbita attorno al Sole con estrema precisione, consentendo loro di escludere con sicurezza qualsiasi rischio di impatto nel 2068 e molto tempo dopo.

USA, la NASA si unisce alla Task Force sul clima voluta da Biden

Sebbene Apophis abbia effettuato un recente avvicinamento ravvicinato con la Terra, era ancora a circa 10,6 milioni di miglia di distanza. Anche così, siamo stati in grado di acquisire informazioni incredibilmente precise sulla sua distanza con una precisione di circa 150 metri “, ha detto la scienziata del JPL Marina Brozovic, che ha guidato la campagna radar. “Questa campagna non solo ci ha aiutato a escludere qualsiasi rischio di impatto, ma ci ha anche preparato per una meravigliosa opportunità scientifica“.

Clima, dalla NASA arriva la conferma: è l’uomo a causare il cambiamento climatico

Il 13 aprile 2029, la NASA conferma che l’asteroide passerà a meno di 20.000 miglia (32.000 chilometri) dalla superficie del nostro pianeta. Durante questo avvicinamento ravvicinato, Apophis sarà visibile agli osservatori a terra nell’emisfero orientale senza l’ausilio di un telescopio o di un binocolo.

La NASA spiega che questo rappresenta un’impareggiabile possibilità per gli astronomi di avere una visione ravvicinata di una reliquia del sistema solare.

(Visited 13 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago