Scienza e Tecnologia

Spazio, la NASA ha scelto lo SpaceX di Elon Musk per il prossimo viaggio sulla luna

Condividi

L’agenzia Spaziale americana NASA ha scelto SpaceX, la compagnia id Elon Musk per costruire la navetta che porterà gli esseri umani alla prima passeggiata lunare da decenni.

La NASA ha scelto la società SpaceX di Elon Musk per costruire un lander che riporterà gli esseri umani sulla Luna in questo decennio.

Questo veicolo trasporterà il prossimo uomo e la prima donna sulla superficie lunare nell’ambito del programma Artemis dell’agenzia spaziale.

Il lander sarà basato sull’astronave di SpaceX, che è in fase di test in un sito nel sud del Texas.

 


Il progetto SpaceX era in competizione contro una organizzazione congiunta di giganti aerospaziali tradizionali e del fondatore di Amazon Jeff Bezos, nonché di Dynetics con sede in Alabama. Il valore totale del contratto assegnato alla società di Musk è di 2,89 miliardi di dollari.

Con questo premio, la Nasa ei nostri partner completeranno la prima missione dimostrativa con equipaggio sulla superficie della Luna nel 21 ° secolo, mentre l’agenzia compie un passo avanti per l’uguaglianza delle donne e l’esplorazione dello spazio profondo a lungo termine“, ha affermato Kathy Lueders, la responsabile dell’esplorazione umana dell’organizzazione.

USA, la NASA si unisce alla Task Force sul clima voluta da Biden

Questo passaggio critico mette l’umanità sulla strada per un’esplorazione lunare sostenibile e tiene i nostri occhi sulle missioni più lontane nel Sistema Solare, Marte compreso”.

Il programma Artemis, avviato sotto l’amministrazione Trump, aveva mirato a un ritorno sulla superficie lunare nel 2024. Ma una carenza di finanziamenti del sistema di atterraggio ha reso quell’obiettivo irraggiungibile.

 


Elon Musk sviluppa da anni il design dell’astronave. Simile alle astronavi dell’età d’oro della fantascienza, è una componente cruciale dei piani a lungo termine dell’imprenditore per insediare gli esseri umani su Marte.

Per ora, tuttavia, servirà come  lander per trasportare gli astronauti dall’orbita lunare alla superficie.

SpaceX Starship SN9, atterraggio non riuscito. Il video del botto

Con una cabina spaziosa e due camere d’aria, che consentono agli astronauti di uscire dall’astronave per le passeggiate sulla luna, è ben diverso dal modulo lunare (LM) angusto e sottile che ha trasportato 12 uomini in superficie nell’ambito del programma Apollo degli Stati Uniti tra il 1969 e il 1972.

Il nuovo veicolo sarà conosciuto come Human Landing System (HLS).

 


Il veicolo Starship è attualmente in fase di test presso una struttura a Boca Chica, nel sud del Texas. Un certo numero di prototipi senza equipaggio sono già stati lanciati ad altitudini di 10 km o più. Tuttavia, gli ultimi voli di prova si sono conclusi con i veicoli che esplodevano, vicino o sul pad dopo il loro ritorno.

Questo è un momento emozionante per la Nasa e in particolare per il team di Artemis“, ha affermato Lisa Watson-Morgan, responsabile del programma per il sistema di atterraggio umano presso il Marshall Space Flight Center dell’agenzia a Huntsville.

Alberi, dalla NASA supercomputer e intelligenza artificiale a tutela della natura

Durante il programma Apollo, abbiamo dimostrato che è possibile fare l’apparentemente impossibile: far atterrare gli esseri umani sulla Luna. Adottando un approccio collaborativo nel lavorare con l’industria, sfruttando le comprovate competenze e capacità tecniche della Nasa, restituiremo gli astronauti americani sulla Luna. emergono ancora una volta, questa volta per esplorare nuove aree per periodi di tempo più lunghi “.

Il programma Artemis mira a stabilire una presenza a lungo termine sulla Luna, compresa la creazione di una base lunare.

 

(Visited 39 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago