Scienza e Tecnologia

Spazio, record per Christina Koch: il viaggio più lungo mai fatto da una donna VIDEO

Condividi

L’astronauta della NASA Christina Koch è tornata sulla Terra dopo 328 giorni, stabilendo il record per il viaggio spaziale più lungo mai fatto da una donna.

L’astronauta della NASA Christina Koch ha completato il viaggio spaziale più lungo mai fatto da una donna. La navicella spaziale russa Soyuz con a bordo Christina Koch è atterrata giovedì 6 febbraio a Dzhezkazgan in Kazakhistan. Nata a Grand Rapids in Michigan e cresciuta in Nord Carolina, Koch, con una laurea in fisica ed ingegneria elettrica, è partita il 14 marzo dello scorso anno. Il viaggio sarebbe dovuto durare sei mesi ma è stato prolungato ad aprile.

Scienza, analizzati i primi biscotti al cioccolato cotti nello spazio

L’astronauta ha passato 328 giorni sull’International Space Station (ISS) superando il precedente record di 289 giorni della statunitense Peggy Whitson, che comunque detiene il record di maggior tempo nello spazio per una donna, avendo preso parte a tre missioni spaziali tra il 2012 e il 2017. Il record di Koch è a soli 12 giorni di distanza dal record maschile statunitense di 340 giorni stabilito da Scott Kelly, a bordo della ISS tra il 2015 e il 2016. Koch non ha superato solamente il record di Whitson ma anche quelli dei russi Yury Romanenko e Sergei Krikalev ed ora è al quinto posto nella classifica dei viaggi spaziali più lunghi. Il record appartiene al russo Valeri Polyakov, che ha passato 437 giorni a bordo della stazione spaziale Mir dall’8 gennaio 1994 al 22 marzo 1995.

Sono così felice e soddisfatta” ha raccontato ai giornalisti appena uscita dalla navicella. Il suo ritorno ha segnato il record che i futuri astronauti dovranno superare. Durante la sua missione Koch ha completato 5,248 orbite intorno alla Terra e viaggiato per 223 milioni di km, l’equivalente di 291 viaggi tra la Terra e la Luna. Oltre a lei sono tornati altri due membri della ISS, Luca Parmitano, scienziato dell’European Space Agency e il cosmonauta Aleksandr Skvortsov. “Per me è assolutamente un onore seguire i passi dei miei eroi” ha commentato Koch in un collegamento con i giornalisti martedì, aggiungendo che vorrebbe essere un esempio per le prossime generazioni: “Essere la fonte d’ispirazione di qualcuno potrebbe essere un grande onore”.

Spazio. Scoperta acqua su un pianeta simile alla Terra

Koch ha stabilito anche un altro record durante il suo tempo nello spazio. Il 18 ottobre, insieme alla compatriota Jessica Meir, ha fatto la prima passeggiata tutta al femminile nello spazio. La coppia ha passato sette ore fuori dalla ISS a rimpiazzare un’unità di controllo dell’alimentazione guasta. “Sapevamo quanto fosse speciale il momento e non ce lo dimenticheremo mai”. La prima passeggiata tutta al femminile si sarebbe dovuta svolgere a marzo 2019 ma non è avvenuta per un problema con la tuta della collega Anne McClain.

Parmitano lancia l’allarme dallo spazio: “Il riscaldamento globale va fermato” VIDEO

Koch and Meir sono uscite altre due volte dalla ISS, il 15 e il 20 gennaio di quest’anno. La prima donna a passeggiare nello spazio è stata la sovietica Svetlana Savitskaya, che ha lavorato per tre ore fuori dalla stazione spaziale Salyut 7 insieme al cosmonauta Vladimir Dzhanibekov il 25 luglio 1984. Nel tempo passato sulla ISS, Koch ha condotto uno studio sulle proteine come parte di un progetto che potrebbe avere implicazioni sul trattamento del cancro. Il suo lavoro aiuterà la NASA a comprendere gli effetti dei voli a lungo termine nello spazio. La NASA vuole riportare gli astronauti sulla Luna entro il 2024; Christina Koch, insieme ad altri membri della ISS, è tra i potenziali candidati per la missione.

(Visited 15 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago