AttualitàClima

La Spagna dichiara l’emergenza climatica. Ribera: “Non accettare questa sfida è enormemente costoso”

Condividi

Il Consiglio dei Ministri spagnolo ha dichiarato a Madrid lo stato di “emergenza climatica”. La dichiarazione non ha nessun valore giuridico ma verrà accompagnata da un pacchetto di misure per ridurre le emissioni di CO2 del paese iberico ed arrivare alla neutralità dal carbonio nel 2050.

La Spagna ha dichiarato lo stato di emergenza climatica. Non si sono ancora placati gli effetti della tempesta Gloria, che ha causato vittime e danni, soprattutto a Barcellona e in Catalogna, e che ora sta imperversando nella Francia meridionale.

Clima, il 2019 è stato l’anno dell’emergenza climatica

Il nuovo governo spagnolo di coalizione, guidato da Pedro Sánchez, è diventato il secondo Stato membro dell’UE a dichiarare un’emergenza climatica La dichiarazione riconosce l’urgenza di mettere in atto misure per contenere le emissioni di CO2 nell’atmosfera.  

La misura fa seguito alla promessa fatta da Sanchez durante il discorso d’investitura, due settimane fa, di fare della transizione ecologica uno dei pilastri del suo mandato. Tra i primi provvedimenti c’è una proposta di legge che si prefigge di azzerare le emissioni contaminanti entro il 2050, attraverso un sistema elettrico basato al 100% su fonti rinnovabili e a un sistema fiscale che accompagni il processo di transizione eliminando, per esempio, i sussidi ai combustibili fossili.

Il Parlamento Europeo dichiara ufficialmente l’emergenza climatica

Il ministro spagnolo per la Transizione Ecologica, Teresa Ribera, in conferenza stampa alla Monchoa, sede del governo, dichiara che il governo deve avere una visione d’insieme: “Sappiamo che non accettare questa grande sfida è enormemente regressivo da un punto di vista sociale, enormemente costoso da un punto di vista economico e ambientale e perché sono le istituzioni, indipendentemente dal fatto che sia la società nel suo insieme a combattere il cambiamento climatico, ad avere la capacità di influenzare e dirigere questo cambiamento

Tre le misure chiave:

  • Il 95% dell’elettricità entro il 2040 proverrà da fonti rinnovabili
  • eliminazione dell’inquinamento da veicoli di grandi dimensioni (autobus e camion)
  • settore agricolo da rendere “carbon neutral”.

Emergenza climatica, la Camera approva mozione. Muroni: “Passare da parole a impegni concreti”

In Spagna hanno già dichiarato emergenza climatica città come Madrid e Barcellona, ed anche in Italia numerosi comuni hanno fatto lo stesso. Pochi giorni fa infatti anche il comune di Barcellona, guidato dalla sindaca Ada Colau, ha dichiarato l’emergenza climatica invitando inoltre l’aeroporto della seconda città spagnola a limitare i voli con Madrid.

(Visited 140 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago