AttualitàScienza e Tecnologia

Sostenibilità ed energia. Nasce Element, il nuovo blog del Gse

Condividi

Sostenibilità. Il Gse, Gestore dei Servizi Energetici presenta Element+, il suo nuovo blog nato con l’obiettivo di sensibilizzare, responsabilizzare, informare sulle tematiche che riguardano lo sviluppo sostenibile e diffondere le buone pratiche.

La scelta del nome non è casuale, ma riprende infatti la storica rivista Elementi, che in 20 anni di attività, ha dato spazio e voce ai protagonisti del mondo energetico, dell’ambiente e dell’economia.

Ministero della Transizione ecologica, Prampolini: “Opportunità per realizzare Green Deal europeo”

La nascita di Element+ segue la necessità di immediatezza dei contenuti e raggiungere la più ampia fascia generazionale possibile, a partire dai giovani che saranno i veri protagonisti dello sviluppo sostenibile del nostro Paese.

“Il Gse rappresenta l’istituzione della sostenibilità, e poichè la sostenibilità deve essere comunicata e deve sempre più condizionare i nostri comportamenti il Gse si è sentito quasi costretto a fare questo blog. La sua missione è formare alla sostenibilità le giovani generazione ma anche gli adulti – ha detto nel corso della presentazione del blog il presidente Gse, Francesco Vetrò intendiamo fornire un messaggio non solo attuale, ma anche completo perchè è possibile attingere a tutti i contenuti che riguardano il tema della sostenibilità”.

Transizione ecologica, Cingolani: città, rinnovabili e qualità dell’aria tra le priorità per l’ambiente

“Tematiche quali la sostenibilità, la decarbonizzazione, la lotta ai cambiamenti climatici, l’economia circolare, appartengono ormai alla narrazione che quotidianamente i giornali ci restituiscono. Per questo – ha poi aggiunto il presidente Gse – una realtà come il GSE, Istituzione di riferimento per la transizione energetica e per lo sviluppo sostenibile del Paese, ha pieno titolo per inserirsi in questo dibattito, offrendo uno strumento come il blog Element+”.

Per Vetrò, “attraverso un’informazione accessibile a tutti, intendiamo comunicare un nuovo modo di approccio alla realtà ed un modello di sviluppo in grado di coniugare crescita economica, attenzione per l’ambiente ed inclusione sociale”.

(Visited 17 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago