Sostenibilità. Il Gse, Gestore dei Servizi Energetici presenta Element+, il suo nuovo blog nato con l’obiettivo di sensibilizzare, responsabilizzare, informare sulle tematiche che riguardano lo sviluppo sostenibile e diffondere le buone pratiche.

La scelta del nome non è casuale, ma riprende infatti la storica rivista Elementi, che in 20 anni di attività, ha dato spazio e voce ai protagonisti del mondo energetico, dell’ambiente e dell’economia.

Ministero della Transizione ecologica, Prampolini: “Opportunità per realizzare Green Deal europeo”

La nascita di Element+ segue la necessità di immediatezza dei contenuti e raggiungere la più ampia fascia generazionale possibile, a partire dai giovani che saranno i veri protagonisti dello sviluppo sostenibile del nostro Paese.

“Il Gse rappresenta l’istituzione della sostenibilità, e poichè la sostenibilità deve essere comunicata e deve sempre più condizionare i nostri comportamenti il Gse si è sentito quasi costretto a fare questo blog. La sua missione è formare alla sostenibilità le giovani generazione ma anche gli adulti – ha detto nel corso della presentazione del blog il presidente Gse, Francesco Vetrò intendiamo fornire un messaggio non solo attuale, ma anche completo perchè è possibile attingere a tutti i contenuti che riguardano il tema della sostenibilità”.

Transizione ecologica, Cingolani: città, rinnovabili e qualità dell’aria tra le priorità per l’ambiente

“Tematiche quali la sostenibilità, la decarbonizzazione, la lotta ai cambiamenti climatici, l’economia circolare, appartengono ormai alla narrazione che quotidianamente i giornali ci restituiscono. Per questo – ha poi aggiunto il presidente Gse – una realtà come il GSE, Istituzione di riferimento per la transizione energetica e per lo sviluppo sostenibile del Paese, ha pieno titolo per inserirsi in questo dibattito, offrendo uno strumento come il blog Element+”.

Per Vetrò, “attraverso un’informazione accessibile a tutti, intendiamo comunicare un nuovo modo di approccio alla realtà ed un modello di sviluppo in grado di coniugare crescita economica, attenzione per l’ambiente ed inclusione sociale”.

Articolo precedenteTorino, la grande bellezza di Palazzo Madama rinasce con Fondazione CRT
Articolo successivoItaliani favorevoli al Ministero della Transizione ecologica, ma di cosa si occuperà?