AttualitàEconomia

Sostenibilità sempre più presente nelle pubblicità in Italia: impegno concreto o greenwashing?

Condividi

Sostenibilità, un tema sempre più presente nelle pubblicità. Una su 5 parla di sostenibilità e nel 46% dei casi ci si riferisce a quella ambientale, ma all’atto pratico si tratta solo di marketing o, nel peggiore dei casi, di greenwashing.

La sostenibilità sempre più centrale nella pubblicità delle aziende. In Italia, infatti, una su cinque ne parla ma poi, all’atto pratico, le imprese sono ancora lontane dall’adottare politiche realmente sostenibili e in grado di influire sull’ambiente e sul benessere della collettività. È quanto emerge dalla ricerca ‘Sostenibilità alla sbarra’, un report realizzato da ConsumerLab. In Italia, il 19% dei messaggi delle aziende diretti al pubblico comprende la parola sostenibilità e, di queste, quasi la metà (il 46%) si riferisce alla sostenibilità ambientale.

 

Secondo il report di ConsumerLab, solo l’1,76% delle piccole imprese pubblica un bilancio di sostenibilità. Un dato che crolla allo 0,63% per le aziende con meno di dieci dipendenti. Non va meglio con le grandi aziende: solo il 28,2% delle 1.915 principali imprese italiane presenta un bilancio in tal senso. Di queste, le prime 345 banche si fermano al 18,2% e le 76 società di assicurazioni al 27,6%.

Clima, nuovo record di gas serra. Onu: “Non c’è tempo da perdere”

Le imprese cercano di vestirsi in ogni modo di sostenibilità come se fosse una nuova certificazione di qualità” – spiega Francesco Tamburella, presidente di ConsumerLab – “Dall’esame delle loro attività, però, appare evidente che il vero senso di tale concetto è raramente centrato. La comunicazione resa ai cittadini/consumatori è così fuorviante e ingannevole, perché non ha riscontro in maniera concreta e dimostrata nella realtà“.

Cop26, per il presidente Sharma l’accordo di Glasgow sarà più difficile di quello di Parigi

Gli italiani, però, non sembrano cadere in questo tranello: circa due terzi dei consumatori intervistati non ritengono sincera e trasparente la comunicazione delle imprese e la relazione con il servizio clienti, e vorrebbero un impegno maggiore e più concreto da parte delle aziende sul tema della sostenibilità.

(Visited 49 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago