Territorio

Sostenibilità, sei raccomandazioni per il green reporting delle imprese

Condividi

Sostenibilità. Sono 6 le “raccomandazioni per il green reporting” presentate oggi dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile nel corso dell’evento “La green economy nel reporting non finanziario”.

Le raccomandazioni, finalizzate a fare del reporting uno strumento di strategia, sono frutto di una riflessione sui risultati dell’indagine svolta dalla Fondazione per valutare le modalità e la qualità con cui gli aspetti ambientali vengono trattati nelle Dichiarazioni Non Finanziarie (DNF) delle imprese italiane.

L’indagine ha interessato 130 imprese delle oltre 200 obbligate a rendicontare informazioni non finanziarie nel rispetto del D.Lgs. 254 del 2016.

Sostenibilità, quando anche l’abito da sposa diventa “ecofriendly”

Le imprese sono state interrogate sulla base di una griglia di 86 indicatori chiave, focalizzata su indicatori ambientali quali abbattimento delle emissioni, efficientamento energetico, gestione circolare di materiali e rifiuti, criteri di green procurement, tutela del capitale naturale e biodiversità.

“La transizione alla green economy richiede il pieno coinvolgimento del mondo delle imprese – ha dichiarato Edo Ronchi, Presidente della Fondazione sviluppo sostenibile – questo necessariamente richiede agli imprenditori di innovare approcci e strumenti, inclusi quelli legati alla rendicontazione non finanziaria. Con questa indagine abbiamo voluto verificare il livello raggiunto dagli attuali strumenti di rendicontazione in relazione ai criteri e agli obiettivi di green economy. Ne sono scaturite  6 raccomandazioni che mi auguro possano essere utili alle imprese per trasformare il reporting in un efficace strumento di orientamento strategico e di innovazione green dei propri modelli di business”.

Sostenibilità e Agenda 2030. Italia indietro su ambiente, povertà ed energia

Le 6 raccomandazioni rappresentano dei suggerimenti per un green reporting e per sopperire alle principali criticità emerse dall’indagine:

  • Dare più spazio alle tematiche ambientali:planet first!
  • Dal processo al prodotto: mettere al centro laqualità ambientale dei beni e servizi
  • Obiettivi e target: misurare le proprie performance ambientali
  • Climateaction: misurare e ridurre la carbonfootprint di processo e di prodotto
  • Circular economy: orientare il modello di businessin chiave circolare
  • Capitale naturale e biodiversità: un nuovo patto traimprese e territorio

Sostenibilità, il piano di Skyway per salvare il Monte Bianco

“La sostenibilità sta acquisendo rapidamente rilevanza strategica e il tema dell’accountability è in una fase di evoluzione ben descritta nell’analisi svolta dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile, che si è in particolare concentrata sulla dimensione ambientale – ha detto Marco Frey, Presidente della Fondazione Global Compact Italia – le imprese sono infatti chiamate, anche dal mondo della finanza, a fornire una rappresentazione sempre più rigorosa del loro contributo alle sfide globali che l’Agenda 2030 ha tracciato”.

Vere protagoniste della giornata, le imprese che hanno condiviso le proprie esperienze sulle buone pratiche di rendicontazione “green”.

In primis, la dimensione ambientale è sempre presente negli strumenti di reporting non finanziario, ma raramente viene rappresentata in modo adeguato.

Nelle liste e matrici di materialità delle imprese, il 21% degli aspetti indicati sono di tipo ambientale, e degli indicatori totalmente rendicontati il 33% riguardano performance ambientali.

Con riferimento agli impatti ambientali derivanti dalle proprie attività, le imprese sono consapevoli dell’importanza di misurarli e monitorarli, tuttavia tali misurazioni ricoprono nella maggior parte dei casi un perimetro limitato all’attività degli uffici e dei processi produttivi, tenendo fuori i beni e servizi.

Sono, invece, proprio i prodotti gli artefici dei maggiori impatti ambientali negativi, ma solo l’8% delle imprese valuta in qualche modo le performance ambientali di questi ultimi.

Mentre l’11% rendiconta interventi di miglioramento delle performance di circolarità sul design del prodotto o sul proprio modello di business.

Il 92% delle imprese rendiconta serie storiche delle proprie emissioni di gas serra, un dato alto, ma solo il 35% delle imprese rendiconta le proprie emissioni nel perimetro più ampio della propria catena del valore (Scope 3).

In ottica di economia circolare solo l’11% delle imprese rendicontano interventi di migliora­mento della performance di circolarità a partire dal design del prodotto o sul proprio modello di business. Sono invece il 28% le imprese che rendicontano le percentuali di approvvigionamento di materia prima riciclata e il 31% quelle che descrivono le azioni tese al ridurre l’utilizzo di materia prima vergine.

Nonostante il tema della biodiversità sia toccato dal 45% dei report analizzati, appena il 12% delle imprese lo considera materiale. La perdita della biodiversità, la ridotta funzionalità degli ecosistemi, la diminuzione della resilienza ecologica possono retroagire sulle imprese e sulle filiere produttive, generando nuovi rischi e richiedendo strategie e azioni differenti. Per questo è importante che le imprese misurino e siano consapevoli dei propri potenziali fattori di impatto sul contesto ambientale e della loro relazione con la biodiversità: attualmente solo l’8% delle  imprese effettua tale tipo di rendicontazione.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago