Breaking News

MONDALI RUSSIA 2018. SORTEGGI: ITALIA-SVEZIA

Condividi

Zurigo. Sarà la Svezia l’avversaria dell’Italia nei playoff validi per la qualificazione ai Mondiali di Russia 2018. Urna di Zurigo non favorevole agli azzurri, che affronteranno la prima partita in Scandinavia il 10 novembre, mentre il ritorno in casa si giocherà il 13 novembre. Sono due le possibili sedi che ospiteranno la gara di ritorno: Milano e Palermo, con la prima favorita. Nessuna decisione è stata ancora presa in via ufficiale. Irlanda del Nord-Svizzera, Croazia-Grecia e Danimarca-Irlanda sono gli altri accoppiamenti.

La Svezia era l’avversario più temibile delle quattro da incontrare. Vincitrice dell’Europeo Under 21 nel 2015, può contare su un mix di giovani talenti e giocatori esperti. Classico modulo 4-4-2, gli scandinavi sono orfani di Ibrahimovic ma hanno come loro punto di riferimento Marc Berg, autore di 8 gol nelle qualificazioni. La Svezia ha chiuso il proprio girone al secondo posto con 19 punti, con sei vittorie, un pareggio e tre sconfitte.  La nazionale, guidata dal commissario tecnico Andresson, occupa la posizione numero 25 nel ranking Fifa. Sono 23 i precedenti tra Italia e Svezia: 11 successi azzurri, 6 pareggi e 6 sconfitte. L’ultima sfida risale agli Europei del 2016 con la vittoria degli azzurri per 1-0 con il gol di Eder. L’ultima vittoria della Svezia è datata nel lontano 1998.

Il destino ha voluto così. Dal mio punto di vista sarebbe potuto andare meglio” -ha commentato Lele Oriali– “ la Svezia è riuscita a passare in un girone difficile, battendo Francia ed eliminando l’Olanda. Speriamo di recuperare qualche infortunato. Dovremo essere tutti al meglio della condizione”. In conclusione un pensiero sul tecnico Gian Piero Ventura: “Non si sta isolando. Dopo la vittoria in Albania ho visto un allenatore felice del risultato. Ho trovato un uomo dal morale alto. La riunione di Torino senza lo staff tecnico è stata sollecitata da noi.”

(Visited 99 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago