InquinamentoRoma

Sora, ancora schiuma bianca nelle acque del fiume Liri VIDEO

Condividi

Schiuma bianca nelle acque del fiume Liri a Sora. Ma non è la prima volta che si verifica questo fenomeno.


Un nuovo video pubblicato sulla pagina Facebook di Liri Tv  mostra della schiuma bianca lungo il fiume Liri nella città di Sora, in provincia di Frosinone. Ma non è la prima volta che si verifica questo fenomeno.

Qualche settimana fa ultimo episodio, ma le ultime analisi rese pubbliche risalgono ad aprile, quando già la schiuma bianca era comparsa nelle acque del fiume. 

Fiumicino, sequestrata lavanderia industriale: scaricava schiuma bianca in un canale VIDEO

L’Arpa, dopo quelle prime analisi, ha comunicato che i risultati non hanno evidenziato particolari contaminazioni in atto. Dunque, il fenomeno che abbiamo avuto ad aprile deve essere stato generato, probabilmente, da qualcosa che ha origine diversa da un’area a noi più prossima. In questo senso auspico che gli Enti preposti vadano a fondo predisponendo innanzitutto ulteriori controlli. In ballo c’è la salute pubblica e nulla può e deve essere lasciato senza responsabili”, afferma il sindaco dell’Isola del Liri, Vincenzo Quadrini.

La scia bianca continua ad accompagnare le giornate dei sorani e attivisti e cittadini vogliono sia fatta chiarezza. 

Fiume Sacco, sequestrata l’azienda responsabile della “schiuma bianca”

“Noi sottoscrittori chiediamo di attivare un MONITORAGGIO costante delle acque del FIUME LIRI al fine di individuare ed eliminare le immissioni che ne stanno provocando una morte lenta ed inesorabile”. Si legge nella petizione lanciata su Change.org.

(Visited 33 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago