Politica

SONDAGGI. AVANZA FORZA ITALIA. SCENDE ANCORA LEGA. SI FERMA IL PD. STABILE M5S

Condividi

Di Antonio Creti. Sondaggi. Si ferma l’avanzata del PD che conquista saldamente la posizione di primo partito (28.1%), ma arretra dello 0.3%, al pari del M5S che si stabilizza a 27,0% (-0,1).

Il sondaggio del lunedì di EMG per la7 registra il calo costante della Lega che non arresta la sua emorragia e scende al 13.9% (-0.5), con ormai  Forza Italia che si appresta all’aggancio con il +0.5 al 13,5%.

Immobile Fratelli d’Italia sempre al 5,0%, con MPD in costante leggero calo al 2,3% (-0,1%) che paga i tentennamenti di leadership, tra Piasapia e Grasso.

Insomma, appare chiaro che la colazione di destra, laddove si presentasse unista, anche  in caso di voto proporzionale comunque avrebbe un risultato importante, ma è anche indubbio che la crescita costante di Forza Italia, proprio ai danni di Lega e del M5S, apre per il partito fondato da Berlusconi orizzonti insperati soltanto tre mesi orsono.

Infine AP di Angelino Alfano cresce al 2,3% (+0,1%), il che significa che dovremmo anche guardare a una possibile Grosse Koalition PD-FI-AP cui aggiungere il Partito animalista che si conferma al 1,3% e quindi ad un’area che arriva intorno al 46%, ovvero ad un passo dall’essere maggioranza.

(Visited 68 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago