Politica

SONDAGGI. LA VITTORIA IN SICILIA CONSOLIDA IL PRIMATO DEL CENTRODESTRA

Condividi

ROMA.SONDAGGI. Il centrodestra beneficia della vittoria in Sicilia per crescere seppur di poco. Tutti i partiti della coalizione sembrano in buona salute. Lega e Forza Italia prendono uno 0.1. Sempre stabile Fratelli d’Italia al 5%, anche l’Udc fa uno scatto in avanti (+0.2), che il partito animalisti vanifica parzialmente perdendo lo 0,1%.

Questo il dato essenziale del sondaggio EMG per la7.

Insomma spostamenti minimi, ma importanti e che testimoniano la buona salute della coalizione che al momento col 33.6% appare per tutti gli altri inarrivabile.

E se il Pd non dovesse aprire a una coalizione di centrosinistra si potrebbe profilare una sconfitta elettorale di grandi proporzioni.

Il Pd e il M5S sono sicuramente  competitivi nel proporzionale, ma nel maggioritario rischierebbero il clamorosos cappotto, anche nelle zone storicamente di sicuro appannaggio.

E che ci sia aria di disaffezione in casa Pd lo attestano i flussi di voto analizzati nel voto siciliano.

Laddove il 71% degli elettori del Centrodestra e del M5S hanno votato per il loro candidato, mentre solo il 51% dell’elettorato del Pd ha votato per Micari, emigrando per il 12% verso il candidato della sinistra Claudio Fava al 12% e addirittura per il 10% verso Nello Musumeci. Solo il 4% invece ha scelto Cancelleri, confermando che difficilmente, anche nella situazione più critica, il voto dell’elettorato PD emigrerà verso i cinquestelle.

Adesso si attende di capire quali saranno le contromosse di Pd e M5S.

Appare evidente che così com’è, la sconfitta alle elezioni nazionali è dietro l’angolo.

Poi si aprirebbe un discorso sulla governabilità.

Ma questo è davvero un altro discorso. Ancora prematuro.

(Visited 72 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago