Attualità

Smog, traffico e criminalità, a Molfetta arriva il “modello Mosca”

Condividi

Smog. Il “modello Mosca” per contrastare traffico, smog e criminalità nella città di Molfetta.

Il comune pugliese vuole provare ad essere l’anello di congiunzione tra la nuova idea di città (che negli ultimi anni è diventata la capitale russa) e un analogo sviluppo che, su tale modello, potrebbero in un futuro non molto lontano assumere anche i comuni della penisola, compresi quelli di dimensioni ben più ampie della cittadina adriatica.

Sarà il lavoro congiunto dell’italiana Creasys e di Rostec Corporationion, leader nel settore aerospaziale e delle nuove tecnologie (che oltre a Mosca ha reso “smart” più di cento città della Federazione) a trasformare Molfetta nel prototipo della “smart city” Made in Italy.

Smog, livelli di polveri sottili in calo ma gli obiettivi europei sono lontani

“Calcolando la quantità di persone che ogni giorno affluiscono nella capitale per i più vari motivi – ha spiegato Katerina Shubina, del dipartimento per i rapporti economici con l’estero del comune di Mosca – ogni giorno nell’area urbana si trovano circa 20 milioni di persone”.

“Per quanto riguarda la videosorveglianza – ha aggiunto poi Shubina – a Mosca sono già state installate più di 160.000 telecamere: nelle strade, negli atri dei palazzi, negli uffici, nelle metropolitane. Grazie a questo sistema sono stati sventati più di tremila reati di cui alcuni potenzialmente molto gravi”.

Clima, un murales realizzato con lo smog per dire stop ai cambiamenti climatici

Nell’ultimo decennio ad essere rivoluzionato dalla filosofia della smart city è stato anche, e forse soprattutto, quello del trasporto pubblico, che non a caso ha scalato le classifiche del rating internazionale.

“Il sistema unificato di controllo e monitoraggio utilizza quasi 200mila punti di osservazione fissi e mobili in grado di tenere d’occhio 10mila veicoli e più di 300mila taxi. È stato inoltre estremamente fluidificato il traffico cittadino grazie all’attivazione del sistema ‘Adaptive’ che controlla i semafori regolarizzando il flusso veicolare in maniera ‘ponderata’, rilevando inoltre eventuali incidenti stradali con la possibilità di far scattare i soccorsi in tempo reale”.

 

La rivoluzione della mobilità in numeri:

  • la velocità del flusso stradale della città è aumentata di 6 chilometri orari,
  • il numero totale degli incidenti è diminuito del 46% facendo crollare il tasso di mortalità addirittura del 56%
  • il tempo medio di attesa dei servizi urbani è diminuito del 60%”.

Ma non è tutto, grazie a questo approccio tecnologico integrato, l’amministrazione moscovita è riuscita anche a creare servizi innovativi in vari settori, dall’istruzione alla sanità, tanto che ormai “mezzo milione di persone all’anno fissano gli appuntamenti con il medico di base tramite una piattaforma pubblica on-line”.

Nessun dubbio sulla replicabilità del “modello Mosca” è stato espresso dagli esperti della società di consulenza e monitoraggio d’impresa Crasys.

Smog, l’inquinamento uccide più del tabacco: 8,8 milioni di vittime l’anno

“Parliamo di numeri che nemmeno si possono mettere a confronto – spiegano gli esperti – ma la validità e la modularità di questa piattaforma è proprio la garanzia che ci consente di costruire un sistema integrato. Al di là delle dimensioni, infatti, la smart city non è altro che l’insieme di tutti quei servizi che cercano di rendere le nostre città più vivibili: quindi servizi che migliorino i trasporti, che rendano più facile trovare un parcheggio o che riducano drasticamente il traffico, e quindi l’inquinamento. In una parola: tutte quelle tecnologie intelligenti capaci di migliorare la qualità della vita”.

Secondo la Creasys e la Rostec però “la smart city non è soltanto la tecnologia, ovvero il software o le applicazioni che facilitano la vita tanto del singolo quanto della comunità. Costruire una smart city significa per prima cosa ascoltare le persone, perché le persone vivono nella città e hanno dei problemi concreti. Significa raccogliere quelle che sono le loro esigenze, ascoltando i suggerimenti che vengono dalla vita quotidiana e che grazie alla tecnologia possono molto spesso trovare soluzione”.

 

(Visited 299 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago