Territorio

Smog, livelli Pm10 superiori ai limiti in 17 città italiane. Classifica “Mal’aria” Legambiente

Condividi

Smog. Secondo i dati riportati dal rapporto annuale “Mal’aria” di Legambiente, nel 2018 in ben 55 capoluoghi di provincia sono stati superati i limiti giornalieri previsti per le polveri sottili o per l’ozonoDopo appena tre mesi dall’inizio del 2019 sono già 17 le città che hanno superato il limite annuale.

Città soffocate dallo smog e invase dalle auto private. In Italia se ne contano 38 milioni. “Ma dopo appena tre mesi dall’inizio dell’anno – spiega Legambiente – sono 17 le città capoluogo che hanno superato il limite annuale di 35 giorni dei livelli di Pm10 previsti dalla normativa. La situazione più critica è in Veneto dove tutti i capoluoghi, con l’unica eccezione di Belluno, hanno superato il limite”.

Smog, l’inquinamento uccide più del tabacco: 8,8 milioni di vittime l’anno

Le città italiane sono soffocate da 38 milioni di auto

Rapporto Mal’aria Legambiente 2018

Le città peggiori al momento sono: Torino; Rovigo; Verona; Cremona e Milano.

Hanno oltrepassato i limiti anche Vicenza con 47 giorni, Padova (45), Venezia (45), Pavia (44), Alessandria (43), Frosinone (43), Treviso (43), Ferrara (41), Mantova (41), Asti (39), Brescia (37), Lodi (37).

Italia deferita alla Corte di Giustizia Ue per smog e rifiuti radioattivi 

Secondo Legambiente è “urgente costruire l’uscita dalla mobilità inquinante per contrastare i cambiamenti climatici, ridurre lo smog e rendere più vivibili le nostre città”.

Smog, livelli di polveri sottili obiettivi europei ancora lontani

Un murales realizzato con lo smog per dire stop ai cambiamenti climatici

Per questo dal Treno verde e’ stata lanciata una petizione per chiedere al ministero delle Infrastrutture e dei trasporti di approvare al più presto il decreto per autorizzare nei Comuni la circolazione sperimentale della micro – mobilità elettrica, previsto nell’ultima legge di bilancio ma non ancora emanato.

Torna il Treno Verde di Legambiente per un futuro 100% sostenibile 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago