Breaking News

Smog, per ridurre le emissioni di monossido di carbonio basta un atomo di platino

Condividi

Smog. Come ridurre le emissioni di monossido di carbonio? Semplice, con un atomo di platino.

È questa la scoperta di un gruppo di ricercatori dell’Università di California a Santa Barbara e Irvine (Stati Uniti), guidati dal professor25, in collaborazione con ricercatori del dipartimento di Scienza dei materiali dell’Università di Milano-Bicocca, coordinati da Gianfranco Pacchioni, docente di Chimica e prorettore alla Ricerca dell’Ateneo.

La ricerca, riportata nello studio ”Structural evolution of atomically dispersed Pt catalysts dictates reactivity”, è stata pubblicata sulla rivista Nature Materials.

Smog, livelli di polveri sottili in calo ma gli obiettivi europei sono lontani

Il platino (come il palladio o il rodio) – spiegano i ricercatori – è uno dei metalli nobili le cui particelle, disperse su un supporto inerte, sono alla base dei catalizzatori.

La loro presenza è necessaria per controllare le emissioni dei veicoli, raffinare il petrolio, generare energia nelle celle a combustibile.

Senza i catalizzatori, ad esempio, l’aria delle nostre città sarebbe irrespirabile.

Smog e inquinamento domestico, 10 regole per rendere gli ambienti più puliti

Questi metalli però sono tra gli elementi meno abbondanti sulla terra e il loro costo è proprio legato alla loro disponibilità: minore è la quantità esistente, maggiore è il prezzo.

Per la stessa ragione, è evidente che il costo dei catalizzatori diminuisce riducendo la dimensione delle particelle e la quantità di sostanza utilizzata.

Progettare catalizzatori basati su singoli atomi di metalli preziosi rappresenta la nuova frontiera della ricerca in questo campo.

Le équipe delle Università di California e di Milano-Bicocca, utilizzando tecniche di caratterizzazione microscopica e spettroscopica ad alta risoluzione in combinazione con simulazioni teoriche avanzate, sono riuscite a identificare il comportamento dinamico di singoli atomi di platino depositati su biossido di titanio e il loro ruolo nel promuovere reazioni di rilevanza ambientale come la ossidazione del monossido di carbonio.

Smog, traffico e criminalità, a Molfetta arriva il “modello Mosca”

“Questo lavoro ha mostrato come i cambiamenti di coordinazione degli atomi di platino con la temperatura – ha spiegato Gianfranco Pacchioni – abbiano una forte influenza sulla reattività chimica e come possano essere utilizzati per controllare le prestazioni del catalizzatore”.

Il risultato? Un catalizzatore basato su singoli atomi di platino – e quindi su una piccola quantità di sostanza – è in grado di ottenere ottime prestazioni. Un riscontro importante, visto che in un grammo di platino ci sono circa ben 1021 atomi, un numero enorme.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago