Smog, Vella risponde a Galletti: “totale disaccordo”. Nessuno scontro con il Ministro dell’Ambiente italiano Gian Luca Galletti, ma “sono totalmente in disaccordo con quello che dice il ministro. Tutti i paesi convocati a Bruxelles martedì scorso dalla Commissione, “hanno molto da fare“.

È la replica del Commissario Ue all’Ambiente, Karmenu Vella, alle parole del ministro Galletti, che solo qualche giorno fa ha Bruxelles ha sostenuto che “l’Italia ha fatto molto” per la qualità dell’aria.

Sostenendo inoltre di aver portato al tavolo della Commissione, “tutto il lavoro svolto” come ad esempio il  taglio degli sforamenti dei limiti “dal 2000 ad oggi del 70%”.

Siamo in ritardo di 7 o 11 anni – ha detto Vella – ci aspettiamo non più incontri e meeting ma risultati e impegni rispettati”.

Il Commissario Ue ha poi precisato di aver sempre avuto un rapporto cordiale con il Ministro Galletti e che l’azione europea “a favore di una migliore qualità dell’aria non è un processo conflittuale”.

“Tuttavia – aggiunge – bisogna essere chiari: l’Italia e tutti gli altri otto Paesi partecipanti al summit ministeriale di martedì hanno presentato suggerimenti positivi, ma non sufficientemente incisivi per cambiare l’intero quadro  generale”.

In ogni caso, la Commissione ha deciso di far slittare di qualche giorno, da lunedì prossimo a venerdì 9 febbraio, l’ultimatum posto da Bruxelles ai nove Paesi per presentare o mettere in campo nuove misure ed evitare così di essere deferiti alla Corte di giustizia Ue.

Articolo precedenteSTASERA IN TV, PROGRAMMI DI OGGI VENERDI 2 FEBBRAIO 2018. RAI, MEDIASET, LA7, TV8, NOVE E LE ALTRE
Articolo successivoANTARTIDE, BELLEZZA E TERRORE. GLI SCATTI IMMORTALATI DA PAOLO PELLEGRIN