Attualità

SMOG, ROMA TRA LE MIGLIORI GRANDI CITTÀ PER QUALITÀ DELL’ARIA

Condividi

Smog Roma. Nell’elenco delle 39 peggiori città italiane per aria inquinata elaborato da Legambiente per lo scorso anno non c’è Roma. E anche nella classifica diramata oggi da Greenpeace, Roma presenta i dati migliori rispetto alle altre grandi città italiane per l’inquinamento da biossido di azoto (NO2) prodotto principalmente dai veicoli diesel.

Se nell’immediato i risultati sono migliori della media italiana, la nostra visione per il futuro della città prevede una drastica riduzione di emissioni dannose sia per la salute umana che per il clima – spiega l’Assessore alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale Pinuccia MontanariI dati di Greenpeace sull’inquinamento dell’aria in città arrivano proprio nel giorno in cui sono a Parigi ad illustrare i piani dell’Amministrazione Capitolina per fare di Roma una città sostenibile, inclusiva e resiliente. Si tratta di obiettivi sfidanti che sono tra le priorità della Giunta Raggi e per i quali sono stati attivati tutti gli strumenti possibili di partecipazione e condivisione”.

Nel 2017 sono stati certificati dalle stazioni di monitoraggio 26 sforamenti dei limiti imposti dalla legge alle polveri sottili, ben al di sotto dei 35 permessi dalla normativa. Lo rende noto il Campidoglio

Per quanto riguarda l’inquinamento da biossido di azoto, Roma ha individuato l’area più vasta d’Italia, pari a circa 150 km quadrati (fascia verde), in cui la circolazione dei diesel fino a euro 2 è vietata in modo permanente dal lunedì al venerdì, insieme ai veicoli a benzina fino a euro 1. Inoltre, in presenza di periodi di criticità in cui si verificano superamenti dei valori limite per più giorni consecutivi, si arriva alla interdizione progressiva dei diesel fino all’euro 6.

Ulteriori limitazioni e interdizioni, in particolare per i veicoli a gasolio, anche definitive e permanenti, sono allo studio.

Quando si tratta della salute dei cittadini, a partire dai più piccoli, l’Amministrazione Capitolina non si vuole limitare a generiche disponibilità a collaborare ma intende affrontare con decisione, impegno e una visione complessiva, sfide che sono epocali e globali”, conclude Montanari.

(Visited 316 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago