Scienza e Tecnologia

SMART CITY, SCENARI REALI DI UNA MOBILITA’ SOSTENIBILE

Condividi

Scenari reali di una mobilità sostenibile. In Campidoglio sono iniziati i preparativi per il Forum dell’innovazione .
Quattro i temi che saranno sviluppati dai laboratori creati per l’occasione: open government, competenze digitali, agenda digitale e smart city.

E proprio quest’ultimo ha realizzato un convegno sulla mobilità sostenibile analizzando gli scenari realmente possibili per il nostro futuro.

La mobilità resta un tema tra i più complessi da risolvere nell’ottica della sostenibilità perché incrocia carenze strutturali con abitudini ormai consolidate.

Il dibattito introdotto da Leandro Aglieri, Presidente di Ricostruiamo Roma ed eletto a capo del laboratorio smart City, ha snocciolato puntualmente tutte le problematiche inerenti alla mobilità a Roma, specialmente quella elettrica.

Nel suo intervento, il Professore Del Viscovo ci ha tenuto a precisare che sì, l’inquinamento atmosferico è dato dal traffico, ma anche dai chilometri percorsi perciò abbattendo uno dei due abbassiamo le emissioni.

M. Garri Direttore di Innovation ACEA ha fatto invece notare, dati alla mano, l’impossibilità di avere uno sviluppo della mobilità elettrica in poco tempo. Facendo emergere anche molti dati allarmanti, come il fatto che il 30% del traffico è generato per cercare parcheggio o che l’Italia ha la più alta concentrazione di autoveicoli (608 per 1000 abitanti) e che per il 95% del tempo l’auto è ferma.

Guarda le interviste a:
Landro Aglieri – Presidente di Ricostruiamo Roma
Flavia Marzano – Assessora a Roma Semplice
Marco Scialdone – Assessorato Roma Semplice
Gianluca Mauro – Startupper Silicon Valley
Livio De Santoli – Professore Università La Sapienza

(Visited 262 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago