Attualità

Silvio Berlusconi come sta? Le condizioni del leader di Forza Italia: è stato dimesso

Condividi

Come sta Silvio Berlusconi? Il leader di Forza Italia da giorni era ricoverato al San Raffaele di Milano per un’infiammazione, postumi del Covid contratto nei mesi scorsi. È stato dimesso dall’ospedale San Raffaele di Milano.

“Silvio Berlusconi sarà dimesso presto dal San Raffaele dove è ricoverato dall’11 maggio scorso per una complicanza legata al post covid“. Lo ribadisce la senatrice di Forza Italia, Licia Ronzulli, raggiunta telefonicamente dall’Ansa. “Si va verso le dimissioni“, ha detto Licia Ronzulli.

Ogni giornata di lavoro al San Raffaele è molto impegnativa. TUTTI i miei pazienti stanno bene. Fatevene una ragione“, afferma con n tweet il medico personale di Berlusconi, Alberto Zangrillo.

Ho appena parlato con Berlusconi” twitta Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Fi. “A nome di tutta Forza Italia gli ho fatto gli auguri di pronta guarigione”.

Gianni Letta parla con Silvio Berlusconi al telefono per sincerarsi delle sue condizioni ed è in vivavoce con il presidente di Forza Italia proprio mentre l’ANSA lo interpella su un’altra linea per avere novità sullo stato di salute dell’ex premier. Al telefono si sente il leader di Fi che saluta prima di terminare la conversazione. Letta chiude quindi il colloquio con l’ANSA con un laconico: ‘Sta bene’.

A ora di pranzo le parole di Matteo Salvini (“Non sta benissimo, ma ne uscirà”) avevano tranquillizzato ma non del tutto sulla situazione medica del Cavaliere.

Poi però, le parole nette di Licia Ronzulli. “Non è tempo di coccodrilli”, scherza al telefono con l’Adnkronos, poi si fa seria e spiega le ragioni del nuovo ricovero, martedì scorso, dell’ex premier: ”Il quadro clinico infiammatorio era diventato acuto. Per questo, i medici hanno deciso il ricovero. Il presidente Berlusconi ha ancora un po’ di febbre, ma è in via di guarigione. Sarà dimesso in questi giorni’‘.

(Visited 21 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago