Riciclo e RiusoRifiuti

Siglato il ‘Patto per il Vetro’, raccolta al 90% al 2030

Condividi

Vetro. L’economia circolare europea si arricchisce di un nuovo tassello. E’ stato lanciato oggi  “Close the Glass Loop”, un programma che “mette in rete”  l’intero ecosistema europeo degli imballaggi in vetro per promuovere il riciclo “da bottiglia a bottiglia” e portare la raccolta differenziata del vetro da avviare al riciclo al 90% entro il 2030,in tutta Europa.

Questa iniziativa, promossa dalla Federazione Europea dei contenitori in vetro (FEVE), che ha ricevuto il caloroso benvenuto del commissario europeo Virginijus Sinkevičius,  vuole dare un contributo per rafforzare l’economia circolare, in seguito all’adozione del Green Deal europeo, la nuova agenda UE per la crescita sostenibile.

Il vetro è un riconosciuto leader nella circolarità, infinitamente riciclabile, con un tasso di raccolta differenziata per il riciclo del 76% in Europa.

In Italia,nel 2019,il tasso di riciclo è del 77,3%, equivalente ad un tasso di raccolta differenziata dell’87%.

La produzione di imballaggi in vetro per alimenti, bevande, farmaci, profumi e cosmetici, con un materiale riciclabile, riutilizzabile e permanente all’infinito si traduce in un minor consumo di risorse naturali, meno sprechi e un minor uso di energia.

Attraverso la virtuosa pratica del riciclo del vetro, in UE ogni anno vengono risparmiate oltre 12 milioni di tonnellate di materie prime e si evitano oltre 7 milioni di tonnellate di CO2.

Si risparmia inoltre il 2,5% di energia e il 5% di CO2 per ogni 10% di vetro riciclato nel forno.

Riciclo, ecco alcuni edifici costruiti con bottiglie di vetro e plastica VIDEO

“L’Italia da sempre è stata molto attiva nella raccolta e nel riciclo del vetro – ha osservato Gianni Scotti, Presidente di CoReVe (Consorzio Recupero Vetro) – e i risultati già ottenuti rendono più semplice raggiungere l’obiettivo numerico posto dalla piattaforma europea. Ma, al di là dei numeri, ‘Close the Glass Loop’ servirà a evidenziare e diffondere le buone pratiche, a migliorare la qualità delle raccolte differenziate, a uniformare e razionalizzare i sistemi in un’ottica europea”.

L’iniziativa, che riunisce dodici Federazioni europee che rappresentano produttori di vetro, trasformatori, brand, organizzazioni per il recupero degli imballaggi e comuni, vede l’adesione, da parte dell’Italia, di Assovetro e CoReVe e il coinvolgimento di tutti i partner nazionali in ogni Stato membro dell’UE.

“Un esempio concreto di co-creazione nell’economia circolare”

Il piano d’azione europeo, presentato da Michel Giannuzzi, presidente di FEVE, ha la finalità di affrontare le sfide strutturali nella catena di raccolta e riciclo del vetro partendo dai Comuni, visti come attori chiave per “mobilitare” la raccolta. I partner di “Close the Glass Loop” stabiliranno una forte partnership con le autorità locali per aumentare la raccolta di vetro, migliorarla nelle grandi città e nelle aree turistiche e garantire che l’uso, la raccolta e il riciclo dei contenitori di vetro siano supportati meglio da linee guida e da strumenti comuni in tutte le fasi.

Il piano d’azione completo è disponibile sul sito www.closetheglassloop.eu.

Progetto Greta, la mozzarella di bufala in un barattolo di vetro

 “Il vetro è un ottimo esempio – ha commentato in un videomessaggio, Virginijus Sinkevičius, commissario europeo per l’ambiente, la pesca e gli oceani – di materiale circolare. Si stanno già raggiungendo risultati eccezionali nella raccolta e nel riciclo. Ma oggi occorre dimostrare di voler fare di più, di essere determinati ad alzare il livello di qualità in tutta l’UE e cercare spazi di miglioramento lungo tutta la filiera. Sono fiducioso chela piattaforma Close the Glass Loop rappresenterà un trampolino di lancio verso i livelli più alti della gerarchia dei rifiuti”.

“Abbiamo il vantaggio di lavorare – ha osservato Michel Giannuzzi, presidente della European Container Glass Federation (FEVE) – con un materiale al 100% e infinitamente circolare per natura che è già una storia di successo in termini di sostenibilità. Più ricicliamo il vetro, meno rifiuti creiamo e meno utilizziamo risorse vergini, producendo allo stesso tempo imballaggi premium in termini di conservazione della qualità, salute e sicurezza. Oggi, il 76% degli imballaggi in vetro nel mercato dell’UE è raccolto per il riciclo, ma c’è ancora molto da fare. Dobbiamo cogliere appieno i vantaggi offerti dal vetro e riciclare di più e meglio. A tal fine, abbiamo bisogno dell’impegno attivo dell’intera filiera. Il livello di coinvolgimento in “Close theGlass Loop” fa sperare nel successo dell’iniziativa e non vedo l’ora di vedere l’impatto positivo che creerà nel tempo”.

I partner fondatori europei sono, oltre a FEVE, la Federazione europea dei riciclatori di vetro (FERVER), il Comitato europeo delle imprese vinicole (CEEV), la Federazione europea delle acque in bottiglia (EFBW), gli alcolici EUROPE, le bevande analcoliche Europa (UNESDA), Alleanza per la Responsabilità Estesa del Produttore (EXPRA), PROsPA, rappresentata da CITEO, ACR +, Eurocities, Municipal Municipal Waste Europe  Waste Europe e l’Associazione europea dei succhi di frutta (AIJN).

Ulteriori informazioni sul programma “Close the Glass Loop”, insieme ai piani d’azione europei e nazionali, sono disponibili sul sito www.closetheglassloop.eu.

(Visited 17 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago