Attualità

Sigarette, vietato fumare in area marina protetta di Torre Guaceto

Condividi

Sigarette addio.

Da oggi è ufficialmente vietato fumare all’interno dell’area marina protetta Wwf di Torre Guaceto, nel Brindisino.

In una nota, il Consorzio di Gestione spiega che le ragioni della nuova disposizione sono connesse a motivi di salute, al contrasto all’impatto antropico sull’area protetta, alla prevenzione degli incendi e alla tutela dell’utenza della Riserva.

Sigarette, ecco la foto choch simbolo dell’inquinamento sulle nostre spiagge

In base a quanto rilevato dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità – si legge – il fumo di tabacco risulta essere una delle principali cause di morte e di disabilità tra la popolazione.

I rifiuti derivanti dal fumo di sigarette costituiscono materiale non biodegradabile e contengono un grande quantitativo di componenti nocive per l’ambiente e le sigarette rappresentano uno dei rischi di innesco di incendi boschivi.

Opere d’arte create con 120mila mozziconi di sigarette raccolti

Nella nota  viene ricordato poi che, a fine giugno, la riserva è stata oggetto di un incendio che ha distrutto una parte del canneto e della macchia mediterranea, non provocando per fortuna danni gravissimi.

Inquinamento, studiati gli effetti sulla fertilità femminile

“Malgrado gli sforzi, che da sempre il Consorzio profonde sul fronte della sensibilizzazione dell’utenza contro l’abbandono delle cicche di sigaretta in spiaggia – ha commentato il presidente Corrado Tarantino – ci sono ancora incivili che gettano i mozziconi nella sabbia. Non possiamo permettere che accada e non vogliamo che le famiglie che frequentano anche il nostro lido, debbano subire il fumo del vicino di ombrellone che, noncurante, accende una sigaretta nonostante la presenza di bambini o persone diversamente abili”.

(Visited 37 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago