Macron ha presentato il piano per salvare la Francia dalla siccità

Colpita da una delle ondate di siccità peggiori della storia del Paese, la Francia sta correndo ai ripari con un piano del governo che impone costi più alti per chi spreca e interventi strutturali

Il presidente francese Emmanuel Macron ha presentato il piano dell’Eliseo per combattere l’emergenza siccità che sta colpendo l’intera nazione. Un piano che prevede interventi straordinari per ridurre le perdite lungo la rete idrica, costi più alti per chi consuma l’acqua per usi non essenziali, e politiche volte al riuso della risorsa idrica.

Il piano di Macron si è reso necessario dopo l’attuale ondata di siccità che sta colpendo la Francia così come l’Italia settentrionale e gran parte d’Europa.

La scorsa estate Parigi ha dovuto fare i conti con la peggiore ondata di siccità della storia del Paese. Ma la crisi idrica è continuata anche questo inverno quando il paese ha registrato un record di 32 giorni consecutivi senza pioggia. Assenza di precipitazioni che, all’inizio di marzo, aveva lasciato i serbatori del Paese all’80% al di sotto dei livelli medi del periodo.

La riduzione degli sprechi grazie a interventi sulla rete idrica è anche l’obiettivo del governo italiano che ha istituito una cabina di regia interministeriale guidata dal vicepremier Matteo Salvini che da qui a qualche settimana dovrà nominare un commissario straordinario alla crisi idrica che avrà il compito di prendere decisioni esecutive in vista di un’estate che si preannuncia particolarmente difficile.