Attualità

SETTIMANA VERDE EUROPEA 2018, ANCORA DUE GIORNI PER CANDIDARSI

Condividi

Settimana Verde Europea 2018, ancora due giorni per candidarsi. Resta solo uno giorno per presentare la candidatura ad ospitare nella propria città gli eventi legati alla settimana verde europea, la più grande conferenza annuale sull’ambiente.

Lo comunica il sito della Commissione Ue, che indica il 28 febbraio come termine ultimo per la presentazione della documentazione.

L’evento, in programma dal 21 al 25 maggio prossimo, organizzato dalla Direzione Generale dell’Ambiente della Commissione Europea, quest’anno si concentrerà sul tema Green Cities for a Greener Future (“Città verdi per un futuro più verde”).

Obiettivo: discutere dei migliori modelli e delle politiche più innovative di sostenibilità ambientale nello sviluppo urbano.

L’evento ufficiale di apertura della Settimana Verde Europea 2018 è previsto per lunedì 21 maggio 2018, in concomitanza con l’appuntamento EU Natura 2000 (altro importante appuntamento delle Politiche Ue in materia di natura e biodiversità).

Per meglio diffondere il messaggio e mobilitare il contributo di tutti i settori, dal 21 aprile al 10 giugno saranno tantissimi gli “eventi partner” anche negli Stati membri.

Workshop, dibattiti pubblici ed eventi di sensibilizzazione per le famiglie, che si svilupperanno a livello locale, regionale, nazionale ed europeo.

Ogni città può “diventare più verde” indipendentemente dalla sua posizione o dalla dimensione. “Diventare verdi” non soltanto dal punto di vista dei giardini e dei parchi, ma anche facendo attenzione alla qualità dell’aria, al rumore, alla mobilità, alla pulizia e alla qualità della vita.

È il messaggio di quest’ultima edizione.

Autorità municipali o responsabili dell’ambiente, imprese, associazioni, società private, Ong, istituti di ricerca o università possono quindi partecipare.

Basta registrarsi direttamente sul sito della commissione europea ‘www.eugreenweek.eu‘.

I temi degli eventi dovranno riguardare: la qualità dell’aria, la mobilità, la biodiversità, l’accesso all’acqua potabile, la governance e la pianificazione urbana, l’economia circolare e l’accesso ai fondi europei per le Pmi.

Presentando le politiche europee e nazionali in materia di qualità dell’aria, rumore, natura e biodiversità, gestione dei rifiuti e delle risorse idriche, la settimana verde intende promuovere approcci partecipativi allo sviluppo urbano, strumenti per condividere le migliori pratiche, coinvolgere le autorità locali e i cittadini per un futuro sostenibile.

La Commissione europea inoltre, ha da tempo promosso un’iniziativa per premiare le città che dimostrano di impegnarsi nel superamento delle sfide ambientali e nella ricerca di innovazioni per risolverle, l’European Green Capital Award.

Un premio, concepito per promuovere e premiare questi sforzi, oltre che per incoraggiare lo scambio delle migliori pratiche tra le città europee.

La prima Capitale Verde Europea è stata premiata nel 2010 e nove città hanno ricevuto il titolo fino ad ora.

Per il 2017, la vincitrice è stata la città tedesca di Essen.

Mentre per il 2018 e 2019 la città di Nimega e Oslo rispettivamente.

Le città premiate, sin dalla prima edizione del 2010, sono state scelte per le loro pratiche esemplari nel proteggere e migliorare la natura e la biodiversità e gli sforzi per ridurre il consumo di acqua.

Un gruppo di esperti internazionali ha valutato le città in gara sulla base dei seguenti indicatori:

Trasporto locale

Aree urbane verdi che incorporano l’uso sostenibile del territorio

Natura e biodiversità

Qualità dell’aria ambiente

Qualità dell’ambiente acustico

Produzione e gestione dei rifiuti

Gestione delle risorse idriche

Trattamento delle acque reflue

Ecoinnovazione e occupazione sostenibile

Rendimento energetico

Gestione ambientale integrata

(Visited 99 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago