AttualitàEventi

Settimana della natura, sette giorni alla riscoperta del patrimonio naturalistico e culturale italiano

Condividi

Sette giorni alla riscoperta del patrimonio naturalistico e culturale italiano, sette appuntamenti internazionali importanti e simbolici per rilanciare un turismo sostenibile, capace di spaziare dai beni culturali ai cibi locali, alla tutela dell’inestimabile patrimonio di biodiversità che rende l’Italia un Paese unico al mondo. E’ l’obiettivo della “Settimana della natura”, giunta alla seconda edizione, che si terrà dal 18 al 24 maggio.

Per l’occasione, il Ministero della Transizione Ecologica presenterà anche la prima newsletter ufficiale dell’Ente, con un editoriale del ministro Cingolani. Un appuntamento editoriale mensile, gratuito, pensato per rilanciare temi e iniziative promosse dal MiTE. Tanti gli argomenti che saranno trattati grazie al supporto scientifico delle 10 Direzioni Generali del Ministero. Uno strumento di informazione e trasparenza, di facile accesso e consultazione, con notizie corredate di link a eventuali documenti integranti, resoconti e altri materiali utili ad approfondire i temi trattati.

Una settimana di appuntamenti, dunque, per vivere e conoscere la natura. Turismo culturale nei parchi, tutela della biodiversità, protezione delle api e delle tartarughe, salvaguardia del patrimonio naturalistico, sono i protagonisti di questi appuntamenti, che assumono un valore sempre più importante, in concomitanza con la ripartenza sociale ed economica dopo la crisi pandemica.

Riscoprire il patrimonio naturale e culturale alla ricerca della normalità ma con occhi e atteggiamenti diversi: è l’invito che arriva dal ministero della Transizione Ecologica, con la consapevolezza che ci siamo avvicinati ad un punto di non ritorno, non possiamo più continuare a maltrattare l’ambiente, non abbiamo un Pianeta di riserva.

*Martedì 18 maggio*: il primo appuntamento è con la “Giornata internazionale dei Musei”, con l’invito del Ministero della Transizione Ecologica a trascorrere l’evento nei musei dei Parchi Italiani.

*Giovedì 20 maggio*: si parlerà della salvaguardia degli insetti impollinatori, un tema al centro degli eventi previsti in occasione della “Giornata mondiale delle Api

Api, Greenpeace: “Strage silenziosa in Lombardia, in 10 milioni non sono tornate all’alveare”

*Venerdì 21 maggio*: è indetta la “Giornata Europea della Rete Natura 2000”, sarà l’occasione per fare il punto sull’ampliamento della Rete Natura 2000 e sui numerosi progetti Life che consentono di proteggere e conoscere sempre meglio il nostro Paese

*Sabato 22 maggio*: è la volta della “Giornata Mondiale della Biodiversità”, un evento finalizzato a riconoscere il ruolo della natura per il nostro benessere e il nostro sviluppo

*Domenica 23 maggio*: la “Giornata Mondiale delle Tartarughe” avrà lo scopo di promuovere il rispetto e le conoscenze su questi antichi rettili e la consapevolezza sul pericolo di estinzione di numerose specie e la scomparsa del loro habitat naturale in tutto il mondo.

Inquinamento, trovate tracce di plastica nei muscoli di 44 tartarughe marine morte in tre anni

*Lunedì 24 maggio*: la “Giornata Europea dei Parchi” conclude questo percorso invitando alla riscoperta dei parchi italiani, dei sentieri e delle meraviglie che questi posto incontaminati possono offrire. Senza trascurare le enormi potenzialità che queste aree possono offrire anche in termini di economia sostenibile.

(Visited 71 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago