Attualità

SETTIMANA DEL PIANETA TERRA. CENTINAIA DI EVENTI IN TUTTA ITALIA

Condividi

Settimana del Pianeta Terra. Torna dal 15 al 22 ottobre, la Settimana del Pianeta Terra, il Festival nazionale delle Geoscienze.

Giunta alla sua quinta edizione, la Settimana del Pianeta Terra coinvolge oltre 300 enti partecipanti con 600 ricercatori e divulgatori scientifici che animeranno i 204 geoeventi nelle 172 località italiane partecipanti. Enogastronomia, arte, cultura, storia e scienza. Per un‘ intera settimana il festival trasformerà l’Italia nel regno delle Geoscienze: escursioni, passeggiate, porte aperte nei musei e centri di ricerca, visite guidate, laboratori didattici e sperimentali per ragazzi, attività musicali, degustazioni e tavole rotonde. Si potrà ad esempio scendere nei sotterranei delle città o scoprire i terremoti con la realtà aumentata, ma anche viaggiare indietro di 350.000 anni sulle tracce dei primi italiani. Obiettivo: far conoscere, in maniera divertente ed originale, il patrimonio geologico e naturale del Paese, ma anche avvicinare giovani ed adulti ad un mestiere importante come quello del Geologo. La Sicilia è la città con il più alto numero di Geoeventi, ben 35, seguita dalle Marche con 21 appuntamenti e la Puglia con 14.

La conoscenza del nostro territorio e dei rischi a cui è soggetto, del suo sottosuolo e delle sue risorse consente di difenderci meglio da pericoli come terremoti, frane ed eruzioni dei vulcani e di sfruttare con coscienza e rispetto i doni che la natura ci offre. Lo studio degli equilibri che governano il pianeta può consentire agli scienziati della terra di migliorare la qualità della nostra vita”, racconta Rodolfo Coccioni, professore ordinario di Paleontologia all’Università degli Studi di Urbino e co-responsabile della Settimana del Pianeta Terra.

(Visited 111 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago