Scienza e Tecnologia

SERIE A, PAGELLE ATALANTA – JUVE. LA ROMA BATTE IL MILAN. RISULTATI E MARCATORI

Condividi

Di Giammarco Spirito

Roma. Clamorosa frenata della Juve che a Bergamo in vantaggio di due gol si fa recuperare da un’Atalanta mai doma. Bernardeschi prima e Higuain poi illudono Allegri, Caldara e Cristante riacciuffano i bianconeri. Nei minuti finale Dybala si fa parare un calcio di rigore da Berisha. Protagonista anche il VAR che annulla il momentaneo 3 – 1 di Mandzukic per una gomitata di Lichsteiner a Gomez che ha dato inizio all’azione. Una Juventus che spreca l’occasione di raggiungere al primo posto il Napoli vittorioso quest’oggi sul Cagliari per 3-0. Dall’altra parte l’Atalanta che ha giocato una partita ad altissimi ritmi, non risentendo minimamente dell’impegno europeo di giovedì scorso.

PAGELLE ATALANTA – JUVENTUS:

ATALANTA (3-4-1-2): Berisha 6,5; Masiello 6, Caldara 6,5, Palomino 6; Hateboer 6, Freuler 6, Cristante 7(88’ De Roon SV), Spinazzola 6; Kurtic 5,5 (56’ Petagna 6); Cornelius 4,5 (32’ Ilicic 6), Gomez 7

JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon 5; Lichtsteiner 5 (66’ Barzagli 5,5), Benatia 6, Chiellini 6, Asamoah 6; Bentancur 6, Matuidi 6; Bernardeschi 6,5 ( 69’Cuadrado SV), Dybala 5, Mandzukic 5,5 (78’ Douglas Costa SV); Higuain 6,5

Vetta in solitaria per il Napoli di Sarri. Settima vittoria consecutiva e record assoluto per il club partenopeo. Una marcia inarrestabile quella degli azzurri che continuano a regalare gol e spettacolo. Al San Paolo nel match delle 12 e 30 il Cagliari è stato affossato dalle reti di Hamsik (primo gol stagionale), Mertens su rigore e Koulibaly. Una prova impressionante per organizzazione, qualità e intensità per il Napoli. Che sia finalmente l’anno buono per lo scudetto?

Dzeko e Florenzi abbattono il Milan e fanno volare la Roma. Adesso per Montella si mette veramente male, seconda sconfitta consecutiva in campionato, quattro gol subiti e zero fatti. L’incapacità di ottenere punti con squadre “blasonate” continua. E adesso la panchina scricchiola sempre di più. Soddisfazione più che giustificata in casa Roma: tre punti in trasferta a Milano sono preziosi da portare a casa. Quinto posto in solitaria a un punto da Lazio e quattro dall’Inter con una partita da recuperare.

Una Lazio straripante abbatte il Sassuolo in rimonta rifilandogli sei gol. All’Olimpico Berardi sblocca la partita, ma poi la squadra di Inzaghi dilaga grazie alle doppiette di Luis Alberto e Parolo. Una prova di forza importante per i biancocelesti che continuano a inseguire Napoli, Juventus e Inter. Inter che supera con qualche brivido il Benevento per 2 – 1. Due gol di Brozovic regalano tre punti a Spalletti. Due pali e il gol di D’Alessandro spaventano i nerazzurri che alla fine resistono e salgono a quota 19 punti difendendo il terzo posto.

Risultati e marcatori delle partite della domenica:

Napoli – Cagliari 3 – 0 ( Hamsik 4’, Rig.Mertens 40’, Koulibaly 47’)

Benevento – Inter 1 – 2 (Brozovic 19’, 22’, D’Alessandro 43’)

Chievo Verona – Fiorentina 2 – 1 (Simeone 6’, Castro 25’, 46’)

Lazio – Sassuolo 6 – 1 (Rig. Berardi 27’, Luis Alberto 46’, 58, De Vrij 56’, Parolo 64’, 70’, Rig Immobile 82’)

Spal – Crotone 1 – 1 (Paloschi 39’, Simy 59’)

Torino – Verona 2 – 2 (Iago Falque 31’, Niang 44’, Kean 89’, Rig. Pazzini 92’)

Milan – Roma 0 – 2 (Dzeko 72’, Florenzi 77’)

Atalanta – Juventus 2 – 2 (Bernardeschi 21’, Higuain 24’, Caldara 31’, Cristante 67’)

(Visited 136 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago