AnimaliAttualità

Sergio Costa: “una casa per le api su tutti i tetti degli edifici della PA”

Condividi

Api. Una casa per le api su tutti i tetti degli edifici della Pubblica amministrazione. È la proposta lanciata dal Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, lo scorso maggio durante la visita delle arnie della sede dei Carabinieri del Cufaa (Comando Unita’ Forestale Ambientale Agrolimentare) a Roma, in occasione della Giornata mondiale delle api.

“La mia proposta – ha spiegato il ministro – è quella di far posizionare sui tetti degli edifici della pubblica amministrazione delle arnie con questi preziosi insetti impollinatori che sono anche straordinarie sentinelle dell’ambiente”.

Le arnie sono quelle del progetto “Apincittà” che i Carabinieri forestali portano avanti insieme alla Federazione Italiana Apicoltori.

Attraverso l’analisi del miele prodotto dalle api di città, si possono rilevare numerosi indicatori di qualità ambientale e per questo l’installazione delle arnie sui tetti delle pubbliche amministrazioni diventa uno strumento strategico e naturale di conoscenza dello stato di salute dell’ambiente che ci circonda.

“Nella giornata mondiale delle api, che ricorre domani – ha osservato ancora il ministro Costa – vogliamo ricordare quanto questi insetti siano fondamentali per la nostra vita e per l’ecosistema. L’impollinazione è un servizio ecosistemico importante che va assolutamente preservato, in linea con le iniziative Ue a favore degli impollinatori. In questa settimana della natura che quest’anno abbiamo voluto lanciare, vogliamo tenere alta l’attenzione sulla tutela della biodiversità in tutte le sue sfaccettature, dal turismo sostenibile nei parchi alla conservazione delle api e delle tartarughe, per stimolare gli italiani a riscoprire la natura e la sua magica bellezza. La sua valorizzazione è fondamentale in questo momento di ripresa post-Covid, in cui il ritorno alla normalità passa anche attraverso l’immersione nel verde”.

Giornata mondiale delle api, in Europa a rischio estinzione una specie su dieci

Il ministero dell’Ambiente sta infatti mettendo in campo un’azione unitaria insieme a tutti i parchi nazionali per affrontare le implicazioni ambientali, economiche e sociali del declino degli insetti impollinatori.

Almeno il 40% degli apoidei selvatici (la superfamiglia di insetti che comprende anche le api da miele) è minacciato di estinzione e il 30% delle farfalle è in declino continuo da almeno trent’anni.

Clima, l’Antartide sta diventando verde a causa dei cambiamenti climatici

Le proposte progettuali presentate dagli enti parco nazionali, in linea con l’ultima direttiva del ministro sulla conservazione della biodiversità, prevedono attività di monitoraggio e raccolta dati che testimonino la presenza, lo stato delle popolazioni e gli interventi sul territorio, tra cui la limitazione o l’eliminazione dell’uso di prodotti fitosanitari e di pratiche agronomiche per frenare il declino degli impollinatori.

 

 

Photo by Dmitry Grigoriev on Unsplash

(Visited 124 times, 3 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago