InquinamentoRifiuti

Serbia, la quantità di rifiuti nel lago Potpecko supera persino l’acqua VIDEO

Condividi

Un vero e proprio oceano di plastica, accumulata nel corso degli anni, che occupa una superficie di circa 20.000 metri cubi. La situazione nel lago Potpecko in Serbia è drammatica.

Tonnellate di immondizia infestano il lago serbo di Potpecko immerso tra le montagne: ormai la presenza della plastica sovrasta l’acqua. Oltre alla palstica, scarti di metallo arrugginito, tronchi d’albero e persino una bara, trasportate fin qui, tra le montagne innevate, ai piedi della centrale elettrica dal fiume che alimenta la diga..

Il Potpecko bagna anche il Montenegro, per un totale di 5 comuni. “Ogni anno più di 40.000 tonnellate di plastica e rifiuti vari vengono gettati nel lago” ha spiegato il direttore dell’impianto.

Lo Stretto di Messina è la più grande discarica sottomarina di rifiuti al mondo VIDEO

L’allarme lanciato dagli ambientalisti riguarda le sostanze tossiche che si stanno disperdendo nel lago, che andranno a finire nei fiumi e metteranno in serio pericolo la fauna selvatica e l’ambiente naturale; arrivano altre denunce dalla Bosnia per l’emergenza rifiuti.

Bosnia, isole di rifiuti intasano il fiume Drina. Ecco cosa è successo

La ripresa dei Balcani dalle guerre del secolo scorso è ancora in atto, per questo spesso vengono tralasciati i problemi ambientali e si presta poca attenzione alla questione dei rifiuti.

La colpa è del nostro comportamento irrispettoso e della scarsa attenzione prestata alle questioni ambientali” ha affermato Jugoslav Jovanovic della società pubblica di gestione dell’acqua.

In molti sperano in una svolta con la possibilità dell’entrata nell’Unione Europea perché è necessario trovare soluzioni e strategie il più in fretta possibile.

Di Francesco De Simoni

(Visited 269 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago