Riciclo e RiusoRifiuti

Seabin, il cestino acchiappa plastica arriva a Firenze nell’Arno: presto sarà anche a Roma e Milano

Condividi

Il cestino che rimuove i rifiuti in plastica Seabin arriva nell’Arno grazie alla collaborazione tra Coop e Lifegate. Altri 24 Seabin saranno posizionati presto in tutta Italia nelle acque di mari, fiumi e laghi.

Seabin, il cestino che rimuove i rifiuti in plastica dall’acqua messo a punto grazie alla collaborazione tra Coop e LifeGate,  è partito dall’Arno, vicino a Ponte Vecchio a Firenze, ma presto sarà collocato anche alla Darsena a Milano, al Tevere a Roma e in altre località per aspirare plastiche e microplastiche da fiumi e mari.

Il primo dispositivo collocato nel fiume Arno grazie alla collaborazione con la Regione Toscana, Unicoop Firenze e Società Canottieri Firenze, è la prima tappa della nuova campagna “Le nostre acque” promossa da Coop per l’ambiente. Dopo Firenze nella stagione estiva 2020 e a seguire nell’estate del prossimo anno saranno posizionati altri 24 Seabin in tutta Italia nelle acque di mari, fiumi, laghi per ridurre l’inquinamento da plastica e microplastiche.

Ostia, Seabin il cestino “mangia plastica” ripulirà le acque portuali di Roma

Come funziona Seabin?

Ha la forma di un cestino galleggiante ma può recuperare in un anno oltre 500 Kg di rifiuti plastici dal mare. Un vero e proprio cestino che galleggiando a pelo d’acqua, ‘cattura’ i rifiuti che incontra, dai più grandi fino alle microplastiche. Il dispositivo, è in grado di lavorare 24 ore su 24, sette giorni su sette, filtrando 25.000 litri d’acqua marina all’ora.

Plastica, il cestino dei rifiuti per il mare Seabin vince il Premio Costa Smeralda ‘Innovazione Blu’

Il progetto ha vinto anche il premio Costa Smeralda ‘Innovazione blu’. Seabin è stato infatto selezionato tra i dodici progetti più innovativi arrivati al rush finale della manifestazione coordinata dalla fondazione Medsea.

Con Seabin, progetto di sea-cleaning – ha scritto la giuria nella motivazione – constatiamo le possibilità che l’ideazione e la tecnologia, se applicati alla maggiore emergenza planetaria, offrono alla salvaguardia del mare, partendo proprio dal centro simbolico e reale della vita nautica: i porti”.

(Visited 94 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago