Attualità

Scuole, in classe solo con le mascherine chirurgiche: bandite quelle di stoffa

Condividi

Si ritorna a scuola ma solo con le mascherine usa e getta. Ne saranno distribuite gratuitamente ogni giorni undici milioni a studenti ed insegnanti. Pecoraro Scanio: “Anche a scuola continua il festival del monouso”.

Il Comitato tecnico scientifico sceglie la mascherina chirurgica per i bambini e gli studenti che torneranno a scuola, preferendola a quella di comunità (cioè di stoffa). “Undici milioni di mascherine saranno a disposizione delle scuole per la riapertura. mascherine chirurgiche per insegnanti, personale e studenti”. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel corso dell’informativa al Senato. Solo se dovessero mancare, si potrà ricorrere all’uso di quelle di comunità.

Minambiente presenta campagna sul corretto smaltimento di guanti e mascherine

Auspichiamo che venga predisposta una fornitura adeguata di mascherine riutilizzabili certificate, equivalenti a quelle chirurgiche monouso, per gli studenti sollecitandoli e invogliandoli a utilizzare le lavabili per ridurre il quantitativo di usa e getta che circola nel Paese, e garantendo comunque la tutela della salute. Per far questo sarà fondamentale porre grande attenzione anche all’insegnamento e alla diffusione di modalità di comportamento corrette, a partire dalle modalità di utilizzo e lavaggio delle mascherine, seguendo le indicazioni dell’ente certificatore e del produttore“, dichiara Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente.

Covid-19, quanto tempo impiegano mascherine e guanti a decomporsi?

Inoltre, chiediamo di privilegiare le produzioni nazionali e di qualità per dare un giusto riconoscimento alle aziende italiane che hanno riconvertito alcune loro linee produttive. La riapertura delle scuole è il più grande cantiere civico che il nostro paese si trova ad affrontare e la prevenzione la faranno gli strumenti ma anche la consapevolezza dei giusti comportamenti da assumere per garantire la prevenzione dal virus“, conclude.

Il Presidente della Fondazione UniVerde e già Ministro dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio, è contrario alla scelta di bandire le ‘mascherine di comunità’: “Anche a scuola continua il festival del monouso, in netta contraddizione con tutte le campagne europee e italiane per la riduzione dei rifiuti e #PlasticFree

Secondo l’ex Ministro l’utilizzo dell’usa e getta amplificato nelle scuole rischia di innescare anche fenomeni speculativi, moltiplicando costi economici e ambientali.

Coronavirus, la provocazione degli ambientalisti: “Più mascherine che meduse nel Mediterraneo”

È ovvio che la sicurezza sanitaria deve essere messa al primo posto, ma ci sono moltissimi prodotti certificati e validati da un punto di vista sanitario che sono riutilizzabili e riciclabili” ha sottolineato Pecoraro Scanio ricordando che il Parlamento ha dato indicazione chiara per favorire ove possibile le mascherine riutilizzabili e riciclabili.

Auspico entro settembre – ha concluso – il decreto del ministero dell’Ambiente per individuare i criteri ambientali”.

 

Foto di Alexandra_Koch da Pixabay

(Visited 74 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago