Attualità

SCONTRO LEGA – FORZA ITALIA SU PREMIERSHIP

Condividi

Di Vanessa De Vita

È ancora scontro a distanza tra Forza Italia e Lega Nord sulla premiership del centrodestra. Silvio Berlusconi dal palco della kermesse di Antonio Tajani a Fiuggi dice di “rispettare la Lega”, chiudendo però ogni discussione sul candidato premier. “Il centrodestra l’abbiamo fatto noi e abbiamo sempre avuto il leader per realizzare il programma. Siamo noi che abbiamo portato al governo forze che erano sempre state escluse”. E poi puntualizza: “in Europa vincono solo candidati popolari, quelli ‘ribellisti’ mai”. Secca la replica di Matteo Salvini: “Berlusconi ha detto ‘il centrodestra sono io’. In democrazia, sono i cittadini che decidono chi fa cosa”. Le parole del leader degli azzurri hanno anche riposto a quanti vedevano in Antonio Tajani, attuale presidente del Parlamento europeo, la figura di sintesi tra i due principali “sfidanti”. Accanto alla premiership, da sciogliere c’è anche il nodo sulle eventuali primarie da tenere all’interno della coalizione. Salvini chiede consultazioni all’americana, “non tra passanti come quelle del Pd” – spiega – ma con il coinvolgimento di iscritti, militanti, elettori registrati di centrodestra. Dello stesso avviso Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia che chiede “un metodo di selezione che parta dal basso”. Per poi aggiungere che, in tal caso, Antonio Tajani non avrebbe grandi chance, visto che – osserva – “è rimasto sostanzialmente l’unico in Europa a difendere questa Unione europea”. Tirato in ballo ormai da tempo, il Presidente del Parlamento europeo, continua ripete sino allo sfinimento che lui sta bene dove sta. Quindi – ribadisce – al centrodestra “non servono primarie”

(Visited 98 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago