Roma

Sciopero mezzi Roma, mercoledì 24 luglio. Stop a metro, bus, treni e taxi

Condividi

Sciopero di 4 ore a Roma e nel Lazio mercoledì 24 luglio. A rischio il servizio della metropolitana, degli autobus di superficie, dei tram e delle ferrovie concesse. Stop anche al servizio extraurbano gestito da Cotral. Orari e informazioni.

A fermarsi, per una protesta nazionale saranno gli aderenti ai sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Ugl Autoferrovtramvieri, Faisa Cisal e SLM Fast Confsal.

Disagi sono attesi per chi usa le linee Atac, i bus periferici della Roma Tpl e il servizio extraurbano di Cotral. Lo sciopero è stato proclamato per sottolineare le “criticità nel settore del trasporto pubblico locale in ordine alle infrastrutture, alle regole, al confronto politico, al diritto di sciopero”.

Metro A Roma, chiusa a zone alterne per lavori. Info e orari

Lo sciopero sarà di 4 ore ed è prevista nella fascia che va dalle 12.30 alle 16.30.

Disagi anche per chi usa i treni: “Dalle ore 09.00 alle ore 17.00 di mercoledì 24 luglio 2019 i treni potranno subire cancellazioni o variazioni, per lo sciopero nazionale del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. La protesta sindacale non comprende il personale di RFI operante in Campania. Le Frecce circolano regolarmente”, si legge sul sito di Ferrovie dello Stato.

Stop anche per i taxi. Le auto bianche saranno ferme dalle 8 alle 12. “Chiediamo da tempo e con forza l’attuazione della nuova normativa in tema di trasporto pubblico non di linea, senza ottenere alcuna riposta dal Governo. Anche per questo motivo, il comparto taxi della Fit-Cisl del Lazio aderirà allo sciopero generale dei trasporti previsto per il prossimo 24 luglio”, dichiarano, in una nota congiunta, il Segretario Generale della Fit-Cisl del Lazio, Marino Masucci, e Alessandro Atzeni, della Fit-Cisl del Lazio.

Roma, chi è Laura Fiorini, il nuovo Assessore al Verde senza delega ai rifiuti

(Visited 113 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago