Attualità

Strage di scimmie allo zoo di Krefeld: incendio causato da lanterne volanti

Condividi

Le fiamme hanno ucciso trenta animali, tra cui una decine di scimmie, nella struttura di Krefeld, poco a nord di Düsseldorf, Germania.  L’incendio da lanterne volanti accese in città durante i festeggiamenti di Capodanno.

Almeno 30 scimmie, in gran parte oranghi, scimpanzè e marmosette del Sudamerica, sono morte nello zoo di Krefeld, in Germania, nell’incendio scoppiato poco dopo mezzanotte che ha distrutto la «Affentropenhaus», la casa tropicale delle scimmie. Praticamente tutti gli animali ospiti del capannone hanno perso la vita. Sono riusciti a salvarsi soltanto due scimpanzé, Bally e Limbo, e lo stesso zoo fa sapere che si è trattato di un «miracolo», anche perché avrebbero riportato solo ferite leggere.

Australia, milioni di animali lottano per la sopravvivenza durante gli incendi

Nei progetti dello zoo gli animali avrebbero dovuto in futuro essere trasferiti in un enclosure all’aperto, ancora non pronto, come quello che ospita attualmente i gorilla, che non sono stati coinvolti nel rogo.

Emergenza incendi, nel 2019 bruciati più di 20 mln di ettari di foreste

I pompieri sono riusciti a prevenire la propagazione dell’incendio ad altri edifici e ambienti dello zoo e a salvare così numerosi altri animali. Secondo alcuni organi d’informazione locali, l’incendio sarebbe stato provocato dai botti di Capodanno ma le autorità finora non hanno confermato. Nel corso della mattinata diversi cittadini si sono recati sul luogo dell’incendio per rendersi conto di quanto accaduto e hanno lasciato davanti all’ingresso principale dello zoo, sovrastato da una grande statua di scimmia, lumini, candele, peluches e messaggi di solidarietà per gli animali morti.

Animali, scelta storica: liberati nove macachi usati come cavie

(Visited 18 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago