Clima

“Science moms”, le mamme scienziate in prima linea per salvare il pianeta e i loro figli

Condividi

Il gruppo apartitico “Science moms”, guidato da sei donne nonché mamme scienziate del clima, sostiene che la capacità organizzativa delle madri possa essere un’arma vincente nella lotta contro il cambiamento climatico.


La capacità di risolvere problemi è spesso l’arma vincente di donne e mamme. Ma di fronte agli effetti del cambiamento climatico e alla necessità di proteggere i propri figli e tutelare il loro futuro, anche le madri più organizzate potrebbero sentirsi impotenti. 

Science Moms spera in questo di fare la differenza. Il gruppo apartitico, guidato da sei mamme scienziate del clima che offrono volontariamente il loro tempo libero, si posiziona come una fonte affidabile di informazioni scientifiche facilmente comprensibili ed allo stesso tempo accurate, relative ai cambiamenti climatici.

Cambiamento climatico, il 2020 l’anno più caldo mai registrato al mondo

Oltre al sito web e agli account dei social, Science Moms prevede di raggiungere le mamme attraverso la pubblicità televisiva nazionale che racconta le loro storie personali.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Science Moms (@science_moms)

La dottoressa Emily Fischer, co-fondatrice di Science Moms e scienziata presso la Colorado State University, si racconta in uno spot di 90 secondi chiamato “For Our Daughters”. Un montaggio delle sue due figlie che si godono la vita all’aria aperta mentre si accampano in tenda, sciano e vanno in bicicletta è certamente in contrasto con immagini di disastri naturali come incendi ed inondazioni.

“Dal momento in cui hai un figlio vuoi fare tutto il possibile per proteggerlo –  dice nell’annuncio la Fischer – Penso che la nostra azione sul cambiamento climatico non sia diversa, è solo un’estensione dell’essere mamma”.  

Mamme No Pfas: “Bonificare la Miteni subito”

La donna ricorda con terrore la minaccia dell’incendio di Cameron Peak in Colorado lo scorso agosto, da cui la sua famiglia è riuscita a fuggire appena in tempo. Ad ottobre l’incendio era diventato il più grande nella storia del Colorado. Sebbene la loro casa fosse al sicuro, il fumo è rimasto nell’aria per mesi. Le sue figlie continuavano a chiedere: “Possiamo uscire oggi?”.

Sebbene la dottoressa Fischer studi i cambiamenti climatici, gli incendi e gli effetti dannosi cagionati dal loro fumo, ha lottato anche per bilanciare la sicurezza dei suoi figli con il loro benessere emotivo. “Questo è estenuante ed è quello che il cambiamento climatico sarà per le mamme: estenuante”. Il sito web di Science Moms invita gli utenti a inviare un modello di lettera al loro funzionario eletto, che pone la domanda: “Le madri di tutto il mondo vogliono sapere: qual è il tuo piano per affrontare il cambiamento climatico e garantire un futuro sicuro e stabile ai nostri figli?”

Science moms affronta anche i falsi miti sul cambiamento climatico, come l’idea che non sia “scienza consolidata” e che si tratti piuttosto di un fenomeno naturale, e offre consigli di libri per bambini e mamme.  Sensibilizza su una serie di azioni per tutelare l’ambiente, come guidare di meno, usare energie rinnovabili e passare a una dieta a base vegetale per ridurre la propria dose di inquinamento quotidiana.

“PFAS quando le mamme si incazzano”, video-inchiesta del giornalista Andrea Tomasi TRAILER

“Riconosco anche che abbiamo bisogno di politiche che riducano l’inquinamento da carbonio e questo non è qualcosa che possiamo fare a livello individuale”, afferma dottoressa Fischer

Gli sforzi del gruppo sono supportati da una partnership con Potential Energy, una coalizione apartitica di agenzie creative, analitiche e mediatiche che mirano a prevenire gli effetti dannosi del cambiamento climatico. La coalizione sta spendendo almeno 10 milioni di dollari per mandare in onda gli annunci di Science Moms sulla televisione nazionale e sui canali digitali. Affinché questa mobilitazione abbia successo e prevenga gli effetti catastrofici dell’inquinamento, l’umanità dovrà cercare di ridurre rapidamente le immissioni di carbonio entro i prossimi 15 o 20 anni. 

Di Sara Fracassi

(Visited 17 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago