AttualitàRiciclo e Riuso

Dopo il boom della sneakers, Lidl lancia le scarpe sportive in plastica riciclata

Condividi

Dopo il boom delle sneakers, Lidl lancia in Italia la sua prima collezione di scarpe sostenibili con il marchio sportivo Crivit. Le nuove scarpe sono prodotte con plastica riciclata: il 75% della loro componente tessile, a maglie traspiranti, nasce da bottiglie Pet convenzionalmente riciclate, mentre il restante 25% impiega la cosiddetta “Ocean Bound Plastic” (rifiuti plastici raccolti da spiagge, isole o zone costiere, in questo caso dell’Asia).

Ogni paio di scarpe Crivit è stato realizzato attraverso il recupero ed il riciclo, in base alla taglia, da 11 a 16 bottiglie di plastica Pet.

Le scarpe saranno disponibili in tutti gli oltre 680 punti vendita del colosso della grande distribuzione a partire dal 6 maggio 2021 in tre varianti colore (nero, rosa e grigio) al prezzo di 14,99 euro per i modelli per adulti e di 12,99 euro per i bambini.

Choc in Gran Bretagna, maiali destinati alla Lidl uccisi a martellate. Il video di Animal Equality

L’impegno di Lidl nei confronti dell’ambiente fa parte di un progetto più ampio sia nel campo della logistica con l’ampliamento della sua flotta green con 40 automezzi alimentati a Biometano e Bio-Lng e sia nel campo dell’offerta con l’impegno di assicurare che almeno il 20% dei prodotti di carne fresca di pollo a marchio proprio provenga da allevamenti conformi allo European Chicken Commitment.

Lidl utilizzerà plastica raccolta negli oceani per produrre gli imballaggi

Nell’ambito del programma “REset Plastic”, la strategia internazionale per la riduzione della plastica del Gruppo Schwarz, Lidl Italia si è impegnata a limitarne l’utilizzo nei suoi pack, negli imballi.

Grazie alle nuove Crivit Ocean Bound, Lidl utilizzerà la plastica riciclata come materiale per dar vita a nuovi prodotti di alta qualità anche nell’ambito sportivo.

(Visited 26 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago