Documentari

Lo scarabeo rinoceronte, l’animale più forte del mondo

Condividi

Lo scarabeo rinoceronte (Oryctes nasicornis Linnaeus, 1758) è un insetto appartenente alla famiglia degli Scarabaeidae e alla sottofamiglia dei Dynastinae.

Lo scarabeo rinoceronte è un coleottero di dimensioni medio grandi, oscillando tra i 25 e i 40 mm di lunghezza. Le sue elitre sono color castano rossastro, mentre torace e capo sono leggermente più scuri.

Questo coleottero è caratterizzato da un notevole dimorfismo sessuale. I maschi sono infatti dotati di un vistoso corno cefalico rivolto all’indietro, che ricorda proprio il corno dei rinoceronti e che è valso a questi insetti il loro nome comune.

I maschi, di taglia differente, hanno pure corna di dimensioni diverse, fenomeno questo riconducibile all’allometria che caratterizza buona parte dei dinastini.

Può raggiungere e superare i 4 cm di lunghezza e il suo colore è castano-rossastro, molto lucido, con torace e capo leggermente più scuri e zampe e ventre ricoperti da una folta pubescenza rossastra; sul dorso presenta delle elitre, ovvero ali anteriori sclerificate, caratteristiche di molte specie di coleotteri, più funzionali alla protezione e alla difesa dell’addome, piuttosto che al volo.

Lo scarabeo rinoceronte è diffuso ampiamente in tutta Europa, dove vanta numerosissime sottospecie, ma lo si può trovare anche nell’Africa Settentrionale e in alcune aree del Medio Oriente.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago