Cronaca

SBLOCCATI 2,7 MILIARDI PER LA SICUREZZA E L’EDILIZIA SCOLASTICA

Condividi

Sbloccati 2,7 miliardi per la sicurezza e l’edilizia scolastica. Un decreto di autorizzazione di 1.058 milioni di euro ai comuni per l’adeguamento sismico delle scuole e un Protocollo di intesa con la Bei (la Banca europea per gli investimenti) e la Cassa depositi e prestiti che dà avvio alla programmazione 2018-2020 per 1,7 miliardi (di cui 400 mln residui della precedente) sono stati firmati dalla Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli, nella Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole.

Il Decreto, che sarà inviato alla Corte dei Conti per la registrazione, distribuisce alle Regioni le risorse riservate alle scuole del maxi-fondo da 46 miliardi (istituito dalla legge di Bilancio 2016, articolo 1, comma 140).

I soldi saranno utilizzati per finanziare interventi mirati alla sicurezza antisismica delle strutture.

Il Protocollo d’intesa con la Bei invece, ha lo scopo di attivare un nuovo maxi-prestito da destinare a interventi di edilizia scolastica.

La cifra indicata è di 1,3 miliardi, ma le risorse erogate dalla Bei saranno di più perché si sommano ad altri 310 milioni circa previsti dal precedente accordo Bei ma non ancora “tirati” dagli enti locali.

Il protocollo andrà poi a Palazzo Chigi per essere firmato anche dal premier Paolo Gentiloni.

Dal 2015 la Giornata nazionale si celebra nella data del 22 novembre in memoria del tragico evento avvenuto nel 2008 nella città di Rivoli, presso il Liceo scientifico “Darwin”, in cui perse la vita il giovane studente Vito Scafidi, per ricordare tutte le studentesse e tutti gli studenti vittime della mancanza di sicurezza.

La Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole è “un importante  e fondamentale momento di promozione della cultura della sicurezza tra le nuove generazioni, ma anche una circostanza durante la quale tutti gli attori pubblici e privati che sono interessati dalla questione rinnovano il proprio impegno a rendere le scuole che le nostre giovani e i nostri giovani frequentano, più sicure, sostenibili, decorose e innovative” – ha detto la ministra Fedeli.

Quasi un miliardo di euro per la sicurezza delle scuole sono invece arrivati dall’Inail: nel piano triennale degli investimenti 2016-2018 sono infatti previsti 450 milioni per la costruzione di scuole innovative, 150 milioni per nuovi poli per l’infanzia e altri 347 milioni nell’ambito delle iniziative immobiliari di elevata utilità sociale.

Una nuova importante firma è quella che arriva oggi, tra Inarcassa (con Fondazione Inarcassa) e Miur che  annunciano il lancio di un fondo di rotazione che metterà a disposizione degli enti locali un milione di euro per anticipare i costi della progettazione di nuovi interventi.

«Una iniziativa concreta per gli enti locali e per la sicurezza nelle scuole», sottolinea il presidente di Inarcassa Giuseppe Santoro. A fare da apripista sarà il comune di Barletta.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago