AnimaliVideo

Save Ralph, il documentario per dire stop ai test sugli animali per la produzione di cosmetici

Condividi

Il coniglietto bianco Ralph è il portavoce della campagna di Humane Society International per vietare i test sugli animali per la produzione dei cosmetici.

L’associazione Humane Society International (HSI) ha presentato al pubblico Ralph, un coniglietto bianco da laboratorio, cieco da un occhio e sordo da un orecchio, protagonista del nuovo cortometraggio Save Ralph, online dal 6 aprile, che mette in luce l’impatto devastante dei test sugli animali per la produzione dei cosmetici.

Nara, salvare i cervi sacri dalla plastica: arrivano gli imballaggi a base di crusca di riso

Scritto e diretto dal regista Spencer Susser, vede il coinvolgimento di un cast composto da diversi attori, come Zac EfronRicky Gervais e il premio Oscar Taika Waititi che interpreta con la propria voce Ralph. “Se non lo guardi e non lo ami, odi gli animali e non possiamo più essere amici“, scrive in un post l’attore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Taika Waititi (@taikawaititi)

Ralph, con un occhio rosso e una benda all’orecchio, viene intervistato a casa sua e si rivolge direttamente al pubblico, parlando a nome degli animali che subiscono trattamenti orribili. Il coniglio ripete spesso che il suo lavoro è “essenziale per la vita umana“, e che “sarebbe disoccupato se i test sugli animali fossero vietati“. L’obiettivo del corto della durata di 4 minuti è quello di sensibilizzare sull’importanza di fermare le ricerche che adottano atti di crudeltà verso gli animali.

Animali e ambiente in Costituzione, LAV: “Primo importante passo al Senato”

 

(Visited 298 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago