Attualità

Sardegna, il turista ruba 15 kg di sabbia dalla spiaggia: scoperto in aeroporto a Cagliari

Condividi

Continuano i furti di sabbia dalle spiagge paradisiache della Sardegna. L’ultimo caso riguarda un turista, scoperto all’aeroporto Elmas di Cagliari con ben 15 chili di sabbia contenuti in 12 bottiglie di plastica.

Continuano i furti di sabbia dalle spiagge paradisiache della Sardegna. Nonostante le campagne di sensibilizzazione, i sequestri e le multe, c’è chi continua a voler portarsi via il patrimonio naturale per avere un souvenir e un ricordo della vacanza. L’ultimo caso, denunciato sui social dalla pagina ‘Sardegna rubata e depredata‘, riguarda un turista che aveva rubato ben 15 chilogrammi di sabbia dalla spiaggia di Is Arutas a Cabras (Oristano).

L’uomo aveva riempito ben 12 bottiglie di plastica con la sabbia rubata dalla spiaggia, ma gli è andata male. “Ci vuole una pazienza infinita. Hai voglia tu di impegnarti e mettere i guardiani in spiaggia, di creare campagne informative, di coinvolgere radio televisioni e giornali, hai voglia di sensibilizzare e informare in tutti i modi possibili. Ci sarà sempre qualche ladro che proverà a rendere inutile il tuo impegno“, scrive la pagina Facebook che ha come obiettivo la tutela del patrimonio naturale sardo.

Giglio, grazie a Marevivo rimossa dai fondali una rete fantasma da 500 metri

Da ‘Sardegna rubata e depredata’ arriva anche un monito poco piacevole: “A quanto pare, questo fine settimana a Is Arutas di ladri c’era grande abbondanza. Questo è quello che abbiamo recuperato ieri, chissà quanta invece è sparita per sempre“.

(Visited 28 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago