AnimaliAttualitàGood News

Sardegna, tartaruga depone 98 uova: l’area delimitata e messa in sicurezza

Condividi

Sardegna, una tartaruga marina ha deposto 98 uova. L’eccezionale evento è avvenuto nella spiaggia di Arborea (Oristano).

Un evento decisamente eccezionale per le coste della provincia di Oristano: una tartaruga Caretta caretta, nella notte tra venerdì e sabato, ha deposto infatti 98 uova nella spiaggia di Arborea, all’altezza della strada 28 ovest. Ad accorgersene sono stati due residenti, che hanno subito allertato la Sala Operativa di Fenosu. Il Corpo Forestale ha quindi fatto intervenire immediatamente i ricercatori del Centro di recupero CReS di Torregrande, insieme al personale dell’Area Marina Protetta del Sinis e i veterinari della clinica Due Mari.

Ostia, il litorale regala una meravigliosa sorpresa: una tartaruga Caretta caretta depone oltre 100 uova

All’arrivo degli operatori, la tartaruga marina stava già deponendo le uova ed era pronta a riprendere il largo. Sul posto sono giunti anche la sindaca di Arborea, Manuela Pintus, ed una pattuglia del Corpo Forestale di Marrubiu, che ha presidiato il nido per tutta la notte. Gli operatori del CReS di Torregrande, all’alba, hanno poi spostato tutte le uova in un’area più sicura, dal momento che la deposizione era avvenuta troppo vicina alla battigia e questo non assicurava la schiusa.

 

Sul posto è intervenuta anche l’agenzia regionale Fo.Re.STAS, che ha partecipato alla recinzione e alla copertura dell’area in cui sono state sistemate le uova. La messa in sicurezza dovrebbe così evitare le incursioni di animali ed il passaggio dei bagnanti, dal momento che la zona si trova in una spiaggia molto frequentata. La schiusa delle uova è attesa tra 40-60 giorni.

(Visited 30 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago