Seaty, ecco perché visitare il borgo sommerso della Sardegna. La video-intervista

A Golfo Aranci, nel Nord-Est della Sardegna, c’è Seaty, un borgo sommerso per scoprire la bellezza del pianeta Blu. Mariasole Bianco (Worldrise): “Entro la prossima estate, in Italia, arriverà un nuovo Seaty”.

Si chiama Seaty la nuova città sottomarina nella baia di Golfo Aranci, in Costa Smeralda, nel Nord-Est della Sardegna. A ideare il borgo sommerso è stata l’organizzazione non governativa Worldrise, con il supporto di Fastweb e con il patrocinio del Comune di Golfo Aranci e della Regione Autonoma della Sardegna. L’area protetta è uno scrigno di biodiversità lungo 1.300 metri e largo 100. Ma cosa è davvero Seaty?

È la città del mare. Un luogo dove vivere il pianeta Blu, conoscerlo e imparare a prendersene cura. Con Seaty, abbiamo creato delle Aree di Conservazione Marina Locale, luoghi in cui si può fare il bagno tutto l’anno, così da escludere altre attività, come la navigazione, l’ancoraggio o la pesca. Insomma, abbiamo ideato delle Zone di Protezione dove la biodiversità e l’ambiente marino possono rigenerarsi. C’è poi una componente umana che diventa fruitrice e attrice nella conservazione dell’ecosistema. Facilitiamo la riconnessione delle persone col mare e con essa la responsabilità di fare qualcosa e di essere parte attiva per prendersene cura e salvaguardarlo per il futuro“, racconta a Teleambiente Mariasole Bianco, presidente di Worldrise e divulgatrice ambientale.

Nello “Speciale Teleambiente” dedicato a Seaty, vi raccontiamo perché questo borgo inabissato si trova proprio in Sardegna, quali attività si possono fare nell’Area Marina Protetta e in quale altra località, rigorosamente italiana, sorgerà la prossima cittadina sommersa.

 

Previous articleConfagricoltura Donna: “Crescono le imprese agricole al femminile”
Next articlePutin compie 70 anni, ecco chi è stato il primo a fargli gli auguri. Il monito di Biden